Sampdoria-Torino, Montella: “Valori simili, i granata sono più affiatati”

Sampdoria-Torino, Montella: “Valori simili, i granata sono più affiatati”

Conferenza stampa / Il tecnico blucerchiato: “Quagliarella mi è sempre piaciuto, dobbiamo rialzarci con l’entusiasmo del pubblico”

4 commenti

Il tecnico blucerchiato Montella rilascia alcune interessanti dichiarazioni in conferenza stampa, in vista dell’importante match di domani sera contro il Torino. Montella parla subito dell’ultimo arrivato in casa Sampdoria, Fabio Quagliarella, e lo collega al modulo della squadra: “Lo conosco come calciatore, ha qualità importanti e ci sarà sicuramente utile, ma devo ancora vederlo. Nelle ultime partite abbiamo mostrato diversi volti e giocato con più moduli, dobbiamo trovare un equilibrio: non è detto che in futuro non si possa giocare con un attacco a tre con Cassano e Quagliarella insieme

Passa poi ad analizzare il Torino, futuro avversario dei blucerchiati: “I granata hanno qualità ma credo che siano sul livello della Sampdoria, non vedo un grandissimo dislivello. La differenza tra noi e loro è che i giocatori del Torino conoscono gli schermi del tecnico ormai a memoria, applicandoli già da tre stagioni

Il tecnico commenta poi l’ultimo risultato, il ko esterno con il Bologna: “Hanno giocato insieme calciatori appena arrivati, che si conoscevano poco. Il risultato è figlio di situazioni che andremo a migliorare ma possono accadere nel momento in cui c’è ancora poco feeling tra i giocatori; siamo più portati a giocare a tre in difesa, ma non vuol dire che non ci sia la possibilità di giocare a quattro. poi è chiaro che è l’allenatore a doversi adattare ai calciatori che ha a disposizione e non il contrario

Uno sguardo anche alla classifica: “Non c’è più tempo per fare eventuali prove” dice Montella, che continua: “Abbiamo bisogno di punti anche per risollevarci ma credo che con l’entusiasmo dei nostri tifosi possiamo fare bene e ritrovarci nel mischione delle squadre di medio livello: la classifica è corta

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. ddavide69 - 12 mesi fa

    che nel 2020 nel caso esplodessero Boye e belotti saranno di altre squadre visto l’andazzo è piu’
    una certezza che un dubbio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Brawler Demon - 12 mesi fa

    Già, il cambio d’allenatore fa bene, i ciclisti ne sono un esempio lampante…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Seagull'59 - 12 mesi fa

    Tranquillo: incontrate chi ha fatto resuscitare i morti (Carpi, Chievo, Juve) e quindi 3 punti non ve li leva nessuno. Magari con gol (senza esultare) del buon Fabio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. alexku65 - 12 mesi fa

    A noi che ce frega…abbiamo in campo gli otto milioni più mal spesi della storia del calcio…un vero affare. Meglio vendere anche l’altro con i piedi buoni (Maxi) cosi rientriamo un po di sta spesa senza senso…poi anche lui è vecchio!A noi piacciono giovani anche se incapaci… Con Immobile non possiamo monettizzare Non sarà mai nostro visto che non lo riscatterà..Quindi il prox anno avremo un attacco da far paura alle mosche. Il mitico Boye Martinez e Belotti. Sono giovani cresceranno …forse nel 2020 vedremo qualche frutto ma saranno già di altre squadre

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy