Sampdoria-Torino, Torreira sfida Rincon: stessa posizione ma compiti opposti

Sampdoria-Torino, Torreira sfida Rincon: stessa posizione ma compiti opposti

Focus on / In regia sarà un duello tutto sudamericano: Torreira e Rincon scaldano Sampdoria-Torino

di Redazione Toro News

È partito il conto alla rovescia per il fischio d’inizio di Sampdoria-Torino, gara di fondamentale importanza per le ambizioni europee delle due squadre. Sotto la lente d’ingrandimento le prestazioni di Lucas Torreira e Tomás Rincón, entrambi perni centrali in una mediana a tre delle rispettive formazioni. Per i due centrocampisti stessa posizione ma compiti differenti, frutto dei differenti approcci di Giampaolo e Mazzarri. Se l’uruguaiano lo si ritrova spesso al limite dell’area avversaria, lo stesso non si può dire del numero 88 granata che, in fase di possesso palla, si abbassa in mezzo ai centrali di difesa per consentire ai terzini di spingere.

Fino ad ora, il blucerchiato ha disputato un campionato sopra le righe: chiamato in causa dal primo minuto in tutte e ventidue le gare di campionato, Torreira ha totalizzato tre gol ed un assist. Sono dunque numerosi i top club europei interessati al classe ’96 che ha nel proprio contratto una clausola da 25 milioni di euro che in estate potrebbe facilitarne una cessione. Decisamente più altalenate ed a tratti deludente il rendimento di Rincón: acquistato in estate per affiancare Baselli in una mediana a due, El General è poi stato impiegato anche davanti alla difesa e da interno di centrocampo. Nonostante qualche errore di troppo in fase di costruzione, Mazzarri ha scelto di utilizzarlo come perno centrale per dare maggiore equilibrio alla squadra e cercare di liberare maggiormente il talento di Baselli. Consacratosi nel campionato italiano con la maglia del Genoa, domani il venezuelano avrà l’occasione di tornare a dimostrare il proprio valore in quello che può essere un derby personale. Se per Torreira il girone di ritorno costituirà un primo esame di maturità, Rincón è invece chiamato a trovare quella continuità di rendimento che fino ad ora è mancata a lui come al resto della squadra.

Alberto Giulini

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. granatadellabassa - 10 mesi fa

    Rincon in mezzo non rende.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. iugen - 10 mesi fa

      Il problema è: chi è che rende?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Alex71 - 10 mesi fa

    Aqua centrale davanti alla difesa, interni Obi e Rincon….a Iago l’onere di creare ripartenze con Niang. Io la vedo cosi. Dobbiamo non farli ragionare e limitare i loro movimenti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. FVCG'59 - 10 mesi fa

    Rincon è ora che si dia una bella mossa e dimostri che tutti i soldi dai gobbi sono giustificati: grande delusione fino ad ora e comunque può e deve fare solo l’incontrista, di sicuro non il regista, che deve fare il buon Baselli, se si sveglia pure lui!
    Oggi si deve vincere, se si vuole puntare ancora ad un obiettivo dignitoso e immagazzinare le giuste motivazioni per un derby finalmente all’altezza del nostro nome!
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. iugen - 10 mesi fa

    Chissà se anche noi riusciremo mai ad avere un centrocampista che vale 25 milioni. Ed è solo del ’96, la stessa età di Lukic… sigh…
    Negli altri reparti si sono alternati negli anni ottimi giocatori, ma un centrocampista veramente forte non riusciamo mai a prenderlo, i nostri acquisti ristagnano tutti nella mediocrità

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy