Sampdoria: la difesa è molto diversa da quella disastrosa di fine luglio

Sampdoria: la difesa è molto diversa da quella disastrosa di fine luglio

I doriani sembrano molto maturati dallo 0-4 incassato proprio a Torino dal Vojvodina, ma anche loro hanno dovuto perdere un elemento importante (Coda) per infortunio

4 commenti

Era il 30 luglio quando la Sampdoria di Walter Zenga, alla prima uscita ufficiale, veniva asfaltata dai serbi del Vojvodina nel terzo turno preliminare di Europa League, tra l’altro proprio all’Olimpico di Torino: un netto e clamoroso 0-4, l’Europa salutata ancora prima di metterci realmente piede e il tecnico già a rischio esonero. A distanza di un mese e mezzo le cose però sono cambiate, eccome.

La squadra che giunge a Torino a sfidare i granata di Ventura ha dato una netta registrata al reparto arretrato e nelle prime tre giornate di campionato ha subito lo stesso numero di gol del Toro, quattro, riuscendo nell’ultima uscita contro il Bologna a mantenere inviolata la propria porta. Da notare come metà della difesa schierata dai liguri nella partita di ieri sera contro i rossoblù sia diversa da quella vista a fine luglio all’Olimpico: della linea Cassani, Palombo, Silvestre, Zukanovic, presentata nella partita contro i serbi, sono rimasti solo Cassani e Silvestre, mentre Moisander è stato inserito come centrale e soprattutto Regini come terzino sinistro.

Regini, titolare in tutte e tre le partite di campionato finora disputate dalla squadra di Zenga (foto: Getty Images)
Vasco Regini, titolare in tutte e tre le partite di campionato finora disputate dalla squadra di Zenga (foto: Getty Images)

Segno questo che quella scoppola ha insegnato qualcosa e che Zenga ha lavorato per riuscire ad aggiustare una situazione che pareva decisamente critica.

Anche la squadra del capoluogo ligure ha però avuto, come il Torino, significativi problemi legati all’infermeria: la promozione a titolare di Moisander infatti è stata dovuta al brutto infortunio patito da Andrea Coda durante la partita della seconda giornata contro il Napoli, quando il centrale si è procurato una lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio destro. Per il suo sostituto finlandese una discreta prestazione contro il Bologna, ma gli attaccanti del Torino potrebbero (e dovrebbero) metterlo maggiormente in difficoltà. Di certo comunque la squadra che i granata affronteranno nel prossimo turno è solo una lontana parente di quella che in luglio ha collezionato una storica figuraccia europea. Ci vorrà il miglior Torino per riuscire a creare pericoli concreti alla porta di Viviano.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. luca - 2 anni fa

    Secondo me non potremo cominciare alla garibaldina per dimostrare che abbiamo capito come approcciare la partita.Probabilmente Ventura, imposterà una partita molto tattica,senza scoprirsi, perchè in spazi aperti Muriel ed Eder possono fare molto male e cercherà di infilzarli al primo errore che la loro difesa commetterà,e lo commetterà!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dbGranata - 2 anni fa

    Premesso che, comunque, penso che la Samp l’anno scorso fosse più forte, quest’anno è di nuovo una compagine temibile. Speravo perdessero anche Soriano ed Eder e che si sciogliessero nella ridicolaggine di Ferrero (e dopo l’Europa League e Cassano credevo sarebbe stato davvero così), però si sono rimessi in carreggiata e credo sarà una squadra che lotterà tutto il campionato per i nostri stessi obiettivi e con le nostre stesse possibilità. Domenica è importante questo scontro. Io personalmente mi aspettavo un pareggio o anche una sconfitta a Verona, ed è successo. Ora fino al filotto di partite con Lazio, Genoa, Juve, Inter il Toro credo le possa vincere tutte se gioca sin da subito con convinzione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Sergio Rossi - 2 anni fa

      Concordo con te. Non potendo mettere il mi piace…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. RDS- toromaremmano - 2 anni fa

    a me non fa paura la difesa, mi fanno più paura Eder e Muriel e noi con la difesa un pò a pezzi dovremo lasciargli pochissimo spazio, per fortuna dovrebbe rientrare Moretti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy