Sassuolo-Torino: quegli scambi di mercato da Sansone a Kurtic

Sassuolo-Torino: quegli scambi di mercato da Sansone a Kurtic

Verso Sassuolo-Torino / L’attuale capitano neroverde Magnanelli nel 2010 fu accostato ai granata, così come l’emiliano Ariaudo la scorsa estate, valutato come alternativa a Gaston Silva

 

Nel mercato, si sa, tutto può succedere e tutte le squadre italiane hanno più o meno intrecciato le rispettive strategie, dando vita a diverse operazioni. Non fanno eccezione Sassuolo e Torino che nel corso degli ultimi anni hanno incrociato la propria strada non solo sul campo, ma anche in sede di mercato.

DALL’OBBIETTIVO MAGNANELLI A SANSONE – Tra le tante voci di mercato che ad ogni apertura imperversano, a fine 2010 una era davvero insistente: la suddetta indiscrezione, infatti, voleva Francesco Magnanelli, classe ’84 già allora in forza al Sassuolo, molto molto vicino alla maglia granata. Il suo procuratore, inoltre, aveva rilasciato alla stampa un deciso “Si può fare”, ma – lo si sa bene – questo genere di cose nel mercato sono all’ordine del giorno, e alla fine non se ne fece nulla. Due anni più tardi, invece, nell’estate del 2012 il Torino si assicurò la metà di Gianluca Sansone per 1.6 milioni, reduce da una stagione in neroverde con ben 20 gol all’attivo. L’attaccante non esplose mai, e presto lasciò il Torino e Ventura. 

KURTIC, BRIGHI E.. – L’intreccio di mercato più riuscito tra le due compagini, però, fu quello che durante il mercato invernale della scorsa stagione portò il granata Matteo Brighi in Emilia, e parallelamente – seppur formalmente con due operazioni separate – Jasmin Kurtic in prestito al Torino. Le due società, inoltre, sono state molto vicine alla realizzazione di un altro affare la scorsa estate, che però naufragò dopo pochi giorni che questa indiscrezione uscì. Il Toro, infatti, aveva trovato più difficoltà del previsto ad aggiudicarsi Gaston Silva, poiché dall’Uruguay chiedevano una cifra intorno ai 3 milioni di euro, troppi per Cairo e Petrachi. L’alternativa, dunque, poteva essere Lorenzo Ariaudo del Sassuolo, ma alla fine il Defensor abbassò le pretese e il Torino portò in Piemonte il classe ’94 sudamericano per poco più di 2 milioni di euro.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy