“Sempre con il sorriso”: alla scoperta della personalità poliedrica di Nkoulou

“Sempre con il sorriso”: alla scoperta della personalità poliedrica di Nkoulou

Focus On / L’importanza dentro e fuori dal campo del centrale camerunese, giocatore fondamentale per il Torino di Mazzarri

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Quanto sia importante per questo Torino Nicolas Nkoulou, lo sanno solo i suoi compagni. Anche dall’esterno è però percepibile il peso di un giocatore del genere – uno dei pochi nella rosa granata ad aver vinto qualcosa di importante come la Coppa d’Africa nel 2017 – per la sua personalità poliedrica, dentro e fuori dal campo. Le prestazioni sempre di livello fanno di lui un leader tecnico del Torino di Mazzarri. Dalla scorsa stagione a questa, in granata, lo abbiamo visto giocare in tre ruoli difensivi: centrale della difesa a quattro, marcatore destro della difesa a tre e centrale della difesa a tre, la posizione in cui si sta disimpegnando quest’anno, scelto appositamente da Mazzarri per la sua capacità nelle letture, nell’uno contro uno e per la sua velocità nelle chiusure. Nkoulou – come solo Sirigu – non ha saltato ancora un minuto di campionato, e solo un aggettivo descrive il suo peso a livello tecnico nel Torino attuale: imprescindibile.

NELLO SPOGLIATOIO – Ma oltre al piano tecnico, c’è anche il piano umano di una personalità dalle mille sfaccettature, che vale tanto anche nelle dinamiche di spogliatoio. Nkoulou è personaggio schivo, assente sui social, che non ama apparire nè farsi notare per altro che non siano le sue prestazioni. Chi ha imparato a conoscerlo ed apprezzarlo poi descrive la sua propensione alla riflessione e alla capacità di analisi, proprie di una sensibilità profonda, caratteristiche non troppo comuni tra i calciatori e non solo. Nelle quattro mura dello spogliatoio è uno dei leader: nonostante il suo italiano non sia fluente, è tra i giocatori più ascoltati e anche tra quelli che sanno sempre sdrammatizzare e strappare un sorriso.

ECCENTRICO E TRASCINATORE – Il personaggio è a suo modo particolare: Nkoulou ama vestirsi eccentricamente, per questo i compagni lo prendono bonariamente di mira e lui sta al gioco senza problemi. Altro fattore da non tralasciare: è sempre tra i primi a tendere la mano ai nuovi arrivi, da vero veterano dello spogliatoio nonostante sia a Torino solo da un anno, aiutandoli ad inserirsi dentro e fuori dal campo. Soualiho Meité, dopo aver segnato un gol a Udine, era andato a cercare proprio lui per abbracciarlo: “E’ come un fratello per me”. Il mediano francese gli ha dedicato proprio ieri una storia su Instagram: “Mi piace. Sempre con il sorriso”. Nkoulou è insomma un leader a 360° del Torino: e il club granata, legato a lui con un contratto sino al 2021, in estate se lo è tenuto stretto – rifiutando alcune richieste tra cui quella del Siviglia – proprio per questo.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Leovigildo - 2 settimane fa

    La cosa più difficile é avere costanza di prestazione in un campionato lungo come la serie A.
    E N’Koulou di partite ne ha sbagliate pochissime. Una garanzia!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. BACIGALUPO1967 - 2 settimane fa

    Grande Petrachi che l’ha preso praticamente a costo zero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ALESSANDRO 69 - 2 settimane fa

    Perché leader si nasce…Se dovessi usare un termine per descrivere questo UOMO non avrei dubbi : ” MONUMENTALE “

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Madama_granata - 2 settimane fa

    Io, e chi ha la bontà di leggere i miei commenti lo sa bene, dico sempre: “pochi stranieri in squadra, ma di valore! Sono contraria all’inserimento di una valanga di stranieri mediocri, che potrebbero benissimo essere sostituiti da altrettanti italiani, magari anche migliori!”.
    Nkoulou, così come Falque, sono, a mio avviso, sicuramente tra gli “inamovibili”. Possono far cambiare volto alla squadra e farle fare il famoso “salto di qualità”.
    Inoltre, da ciò che leggo, hanno personalità da vendere e sono attaccati alla maglia del Toro, cosa da cui non si può e non si deve prescindere e su cui non si può e non si deve sorvolare!
    Due “leaders”, insomma, di cui il Toro non può fare a meno!
    Speriamo siano da esempio ai tanti ragazzotti stranieri recentemente arrivati, e che paiono “promettere bene”!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. CUORE GRANATA 44 - 2 settimane fa

    Averne giocatori come NK: professionista esemplare e uomo vero! Lui,Sirigu,Moro,Rincon e Iago esempi da seguire da parte dei più giovani.FVCG!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy