”Sempre gli stessi errori”

”Sempre gli stessi errori”

Dopo Cairo e Papadopulo, parla anche il DS Petrachi. “Il ritiro? Accontenteeremo solo la volontà del tecnico, se lo riterrà giusto per conoscere meglio i giocatori, lo faremo, ma non va considerata come una cosa negativa”.

Cosa non ha funzionato? “Penso che la vera pecca, la cosa che mi ha fatto riflettere più di altre cose, è stata la ricaduta negli stessi errori. Ora lo spogliatoio deve mettersi in condizione…

Dopo Cairo e Papadopulo, parla anche il DS Petrachi. “Il ritiro? Accontenteeremo solo la volontà del tecnico, se lo riterrà giusto per conoscere meglio i giocatori, lo faremo, ma non va considerata come una cosa negativa”.

Cosa non ha funzionato? “Penso che la vera pecca, la cosa che mi ha fatto riflettere più di altre cose, è stata la ricaduta negli stessi errori. Ora lo spogliatoio deve mettersi in condizione di capire che non ha più alibi, e dimostrare di essere giocatori competitivi quali sono”.

“Quando ci si confronta come facciamo tutti i giorni io e il presidente, arrivavamo alle nostre valutazioni. Papadopulo? La scelta è ricaduta per tanti motivi: giocandogli contro, quando ero calciatore, mi piazzava sempre delle marcature strettissime e facevo una fatica incredibile. Come dirigente, ho visto che, anche nei Play Off tra Lecce e Pisa, mi era piaciuta molto la preparazione tattica dei giallorossi”.

“Ho sempre avuto quindi una grande stima del mister. Penso che meriti anche di essere conosciuto personalmente, perchè ha un grande carattere. Anche il Presidente può confermare che sia una persona che colpisca molto”.

Sulla squadra: “Non sono ipocrita e non mi nascondo: sono sicuro che quest’organico sarebbe potuto benissimo arrivare nei primi due posti. Per cui è giunto il momento di dimostare il valore di tutti e mostrare i denti. Dobbiamo darci da fare. Comunque non direi che il Presidente sia un mangiaallenatori, anzi, direi che con Lerda si abbia avuto molta più pazienza che altre società. Era una decisione che, comunque, andava fatta per dare una scossa”.

(Foto: M. Dreosti)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy