Senza Glik, il Toro non vince da un anno: tabù da sfatare contro l’Inter

Senza Glik, il Toro non vince da un anno: tabù da sfatare contro l’Inter

L’importanza del capitano / Il centrale polacco non sta affrontando certamente il suo miglior periodo della carriera, eppure con lui fuori i granata non hanno mai vinto: l’ultimo successo, circa 15 mesi fa

4 commenti
Difesa, Glik

Essere il capitano di una squadra di calcio conta di più della possibilità di andare a colloquio con l’arbitro – come se poi ciò fosse impedito anche agli altri, come se ne ha prova in tutte le partite. La fascia da capitano è un simbolo che deve ispirare chi la indossa a porsi come punto riferimento per i compagni, come ultimo baluardo nelle difficoltà della squadra. Tutti ruoli che Kamil Glik tenta di onorare ogni settimana con la maglia del Torino.

Non è certamente l’anno più semplice per l’ex Palermo, che ha commesso anche gravi errori anche nel derby, a coronamento (rovesciato) di una stagione non esaltante come lo era stata, ad esempio, quella passata. Ciononostante, non è possibile ignorare il peso specifico che il centrale polacco riveste in termini di carisma e autorità all’interno dello spogliatoio granata. È così forse possibile spiegare che quando il capitano granata è fuori, per squalifica o scelta tecnica, i granata non riescono a portare a casa tre punti da quasi quindici mesi: l’ultimo caso è il successo esterno sul Cesena per 3-2, con la decisiva rete del neoarrivato Maxi Lopez. Da allora, su quattro partite, due sconfitte e due pareggi. In questa stagione, è arrivata la battuta d’arresto contro l’Udinese – che seguiva la batosta post derby di Coppa – e il pareggio anonimo a reti bianche contro il Verona.

Jansson, sostituto di Glik, in Torino-Udinese
Jansson, sostituto di Glik, in Torino-Udinese 0-1

Non certo uno score esaltante, che rimarca ulteriormente l’importanza di Glik come pedina nello scacchiere di Ventura. Al di là delle conclamate abilità offensive su palla ferma – potenzialità tuttavia ancora inespresse quest’anno – la sua presenza risulta imprescindibile sia per i compagni sia per il pubblico intorno, che lo vede come un vero portavoce dello spirito Toro degli anni trascorsi. Nella speranza che anche le sue prestazione tornino il prima possibile ai livelli migliori, il Toro dovrà scoprire come tornare a vincere, e per di più come farlo senza Glik.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. ziocane66 - 12 mesi fa

    in questo modo possiamo capire se Glik è il problema!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. fabrizio - 12 mesi fa

    A differenza di quest’anno che perdiamo sempre quando gioca…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. aterreno - 12 mesi fa

      Mi hai battuto sul tempo 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. fabrizio - 12 mesi fa

        :-) :-)

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy