Serie A: aumentano i gol sulle punizioni, ma il Toro non ne segna neanche uno

Serie A: aumentano i gol sulle punizioni, ma il Toro non ne segna neanche uno

Approfondimento / La squadra necessita di un giocatore abile a battere i calci da fermo: a dirlo sono le statistiche. In generale è Pjanic il Re della stagione 2015-16

3 commenti
Ventura

In questa stagione, in Serie A, sono stati siglati ben 979 reti, numero assai minore se confrontato a quello dello scarso anno, quando i giocatori della penisola hanno realizzato invece 1024 gol. Ma se da questo punto di vista c’è stata una netta involuzione, non si può dire altrettanto delle reti siglate da calcio di punizione diretto, le quali sono aumentate (24 nella passata stagione, 31 quest’anno), nonostante il calcio italiano abbia detto addio ad uno dei maestri delle punizioni: Andrea Pirlo, il quale, al momento, sta mostrando la sua straordinaria “maledetta” in giro per la MLS.

In Italia, il “nuovo Maestro” sembra essere un giocatore della capitale: Pjanic. Il bosniaco, in questa stagione, ha mostrato all’intero palcoscenico calcistico le sue ottime abilità balistiche su calcio di punizione diretto. Non a caso, la Roma si è piazzata al primo posto nella speciale classifica delle squadre che hanno segnato di più in tal modo.

probabili formazioni

Analizzando le statistiche, poi, si nota come molte squadre  – nonostante abbiano delle abili torri – non siano riuscite ad incidere sulle palle inattive, a causa delle mancanza di un vero e proprio tiratore (o crossatore) scelto. L’Hellas ad esempio è migliorata sotto questo profilo, nonostante la retrocessione e anche il Sassuolo lavorando su questo particolare fattore è riuscito ad alzare ulteriormente l’asticella.

TABELLA PUNIZIONI STAGIONALE
La tabella dei gol messi a segno direttamente su punizione nelle ultime due stagioni

Dall’altro vertice della classifica invece si trova il Torino di Ventura, il quale non è riuscito a siglare nemmeno una rete direttamente su punizione e – a detta dello stesso allenatore – più in generale ha faticato eccessivamente a punire l’avversario su palla inattiva.

Questa particolare classifica sottolinea anche il fatto che ai granata manchi un giocatore capace di calciare bene da fermo. Un ottimo calciatore con queste qualità era stato richiesto già ad inizio anno e Avelar sembrava essere il profilo giusto, ma la sorte lo ha vinto e il Torino è rimasto senza materiale umano capace di sfruttare al massimo ogni minimo corner e le punizioni dirette.

L’ex Cagliari poteva essere fondamentale da questo punto di vista, essendo anche un abile rigorista. Il futuro allenatore del Toro, se cambierà modulo, dovrà acquistare proprio un giocatore che sappia sfruttare questi palloni, i quali, si spera, potranno essere d’ausilio dal punto di vista realizzativo del club.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. dbGranata - 10 mesi fa

    La differenza la fanno proprio queste cose, spesso. Avere un uomo che quando stai giocando bene ma non vuole entrare sa sfruttare una punizione, un angolo, una giocata per buttarla dentro.
    Guarda caso Roma e Juve sono tra le prime in questa statistica…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. aterreno - 10 mesi fa

    Questi articoli dovreste pubblicarli tipo ogni 3 mesi e poi mandarli in copia cartacea a Cairo, Ventura, Petrachi.
    MA come si fa ad avere una squadra con qualche ambizione senza un giocatore che sappia tirare le punizioni (o i calci d’angolo?)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RDS- toromaremmano - 10 mesi fa

      Hai ragioniasima (se si può dire) oramai sono anni che non abbiamo uno spscialista, l’ultimi gol che a memoria mi ricordo sono di Kurtic con la Fiore all’ultima giornata due anni fa e Quagliarella con l’Atalanta sempre lo stesso anno, noi abbiamo Bovo, che con noi non l’ha mai buttata dentro, spero che con il miglior realuzzatore di punizioni della storia del campionato italiano, come allenatore priviligiera’ questa soluzione che alla fine dell’anno può essere determinante.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy