Sorrentino e il Toro: la storia di un “ex” mai dimenticato

Sorrentino e il Toro: la storia di un “ex” mai dimenticato

Figurine/ Esattamente 36 anni fa nasceva Sorrentino, estremo difensore idolo della Maratona e tifoso granata

 

Il 28 marzo di trentasei anni fa, nasceva a Cava’ de Tirreni, in provincia di Salerno, Stefano Sorrentino. Il ragazzo, futuro giocatore del Toro e attuale estremo difensore del Palermo, ha cominciato a calciare (anzi, a parare) fin da piccolo. Figlio d’arte, suo padre faceva il portiere: il suo destino calcistico sembra già scritto. Cresciuto nelle giovanili della Lazio, approda in Piemonte per la prima volta nelle rappresentative giovanili della Juventus a 18 anni. L’esperienza non va a buon fine, anzi viene scartato e mandato alla Saviglianese. Eppure, è proprio qui che la sua storia si incrocia con quella granata e avviene la svolta: il Toro lo acquista gratis, e non se ne dovrà mai pentire. Come da lui stesso più volte affermato, i colori granata da quel momento gli entreranno nel cuore, regalandogli la possibilità di realizzare i suoi sogni.

Prima qualche esperienza a farsi le ossa (Juve Stabia e Varese), poi il ritorno da protagonista. Sotto la Mole gioca da titolare ben quattro stagioni, a partire dal campionato 2001-2002, collezionando in totale quasi 100 presenze. Nonostante la scelta obbligata di lasciare il Toro a causa delle note vicende della torbida estate 2005, proprio dopo la promozione avvenuta sul campo, nel capoluogo piemontese Sorrentino lascerà un pezzo di cuore. Divenuto tifoso granata, non smette mai di dimostrare il suo affetto (pienamente ricambiato) ogni volta che ritorna sotto la Maratona e non solo.

La sua carriera è proseguita brillantemente, dopo le esperienze internazionali (AEK Atene, Huelva) anche in quelle italiane: cinque anni al Chievo, e ora al Palermo. Ovunque sia andato, le sue parate e la sua professionalità hanno lasciato un segno fortemente positivo. A trentasei anni, ha ancora la voglia, la grinta e i numeri per essere titolare in una ottima squadra di Serie A. Con un occhio (e il cuore) rivolto anche a che cosa fa il Toro. Sorrentino e il granata, due strade che non si potranno mai separare davvero.

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy