Squalifiche e tre punti

Squalifiche e tre punti

di Elisa Vescovi

Domenica scorsa il Toro ha perso la partita con la Sampdoria. Incredibile, ma per la terza volta viene annullato un gol al Toro. Dopo quello di Bianchi contro l’Udinese e di Rubin contro il Cagliari. Al  14’ del secondo tempo viene annullato una rete di Amoruso. Al 39’ poi segna Bellucci, decretando la vittoria per la Samp.

Ha avuto esito positivo,…

di Elisa Vescovi

Domenica scorsa il Toro ha perso la partita con la Sampdoria. Incredibile, ma per la terza volta viene annullato un gol al Toro. Dopo quello di Bianchi contro l’Udinese e di Rubin contro il Cagliari. Al  14’ del secondo tempo viene annullato una rete di Amoruso. Al 39’ poi segna Bellucci, decretando la vittoria per la Samp.

Ha avuto esito positivo, invece, la partita di ieri contro il Palermo di Ballardini. Al 43’ del secondo tempo, Säumel con un grandissimo tiro da fuori area. Finisce 1-0 per  il Toro. A questo punto occorre dire che, certo, una vittoria è sempre una vittoria,  anche se sarebbe meglio non fosse stata segnata dall’ennesimo atto di ingiustizia. Per la quarta volta è stato annullato un gol per fuorigioco al Toro, per la precisione al 9’, ancora ad Amoruso. E’ più che lecita la polemica per una serie di eventi che sembrerebbero apparire sempre meno casuali. E sono più che leciti gli appelli e le lamentele del presidente Cairo in merito a una serie troppo lunga di sviste arbitrali che condannano il Toro ad occupare una posizione di classifica che non merita.

Parlando di squalifiche, ricordiamo l’ammonizione a Rubin di domenica scorsa che non gli ha permesso di giocare contro il Palermo, dovendo saltare un turno di campionato, e la squalifica per un turno a Natali in merito a fatti risalenti al 2007. Si trattava di irregolarità nel passaggio del calciatore da Udinese a Toro, tant’è che anche le società dovranno pagare una multa. In ogni caso Natali avrebbe saltato un turno lo stesso per infortunio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy