Statistiche tutte favorevoli ma è solo pari

Statistiche tutte favorevoli ma è solo pari

A Siena il Torino conquista il quarto pareggio di fila, portando a sette la striscia di risultati utili consecutivi. Un punto che gli permette di tenere dietro Padova e Livorno e arrivare agli ultimi 270 minuti, nei quali per due volte i granata scenderanno in campo davanti al proprio pubblico, con il coltello dalla parte del manico. Se il Toro farà il suo nessuno potrà impedirgli di raggiungere i playoff. Per la prima volta…

A Siena il Torino conquista il quarto pareggio di fila, portando a sette la striscia di risultati utili consecutivi. Un punto che gli permette di tenere dietro Padova e Livorno e arrivare agli ultimi 270 minuti, nei quali per due volte i granata scenderanno in campo davanti al proprio pubblico, con il coltello dalla parte del manico. Se il Toro farà il suo nessuno potrà impedirgli di raggiungere i playoff. Per la prima volta in stagione la squadra di Lerda ha pareggiato per 2-2, grazie alla rete arrivata negli ultimi minuti di gara da parte di Bianchi, che ha così raggiunto le cento reti da professionista. Un traguardo importante per l’attaccante bergamasco, che in maglia granata ha segnato più della metà delle reti totali (56).

Parlando dei numeri della sfida, notiamo un Toro superiore in tutto. Fatto strano, mai accaduto nel corso del campionato. Per quanto riguarda i tiri è addirittura dominio granata, con 16 contro 4, mentre si riduce il gap se si esaminano solo le conclusioni indirizzate nello specchio della porta (7 a 4). Tra i dati interessanti anche la percentuale di passaggi riusciti da parte della squadra granata (oltre il 72%).  Passando alle statistiche individuali, comandano invece i bianconeri in due graduatorie su tre. Nelle palle recuperate Rossettini svetta su Terzi e Vitiello, mentre le altre tre posizioni sono granata, con Ogbonna, Pratali e Di Cesare. Tutti difensori, quindi. Nei passaggi riusciti primo Terzi, davanti a D’Ambrosio. Infine, per ciò che concerne le conclusioni, Bianchi e Sgrigna staccano tutti. Per il capitano ben sette tiri, mentre l’ex giocatore del Vicenza è fermo a cinque. In terza posizione, a pari merito, Calaiò e Reginaldo, con due tiri a testa. Per Calaiò, quindi, una media del 100%: due conclusioni e altrettante reti.

(foto: M. Dreosti)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy