Stellone: ‘Continuiamo così’

Stellone: ‘Continuiamo così’

Roberto Stellone, il capitano pro- tempore,in attesa del ritorno dal 1′ di Alessandro Rosina, in sala stampa appare carico e sereno nel valutare il proprio momento di forma, quello della squadra nel suo complesso e nel presentare la prossima impegnativa trasferta di Catania. Il centravanti romano, a scadenza di contratto il prossimo giugno (vedremo se arriverà l rinnovo come avvenuto ieri per Sereni), è fiducioso…
Commenta per primo!
Roberto Stellone, il capitano pro- tempore,in attesa del ritorno dal 1′ di Alessandro Rosina, in sala stampa appare carico e sereno nel valutare il proprio momento di forma, quello della squadra nel suo complesso e nel presentare la prossima impegnativa trasferta di Catania. Il centravanti romano, a scadenza di contratto il prossimo giugno (vedremo se arriverà l rinnovo come avvenuto ieri per Sereni), è fiducioso che la formazione granata possa continuare a fornire prestazioni convincenti ed a raccogliere buoni risultati, come nell’ultimo periodo.

Roberto Stellone, l’anno scorso a Catania arrivò una vittoria fondamentale per la salvezza. I suoi ricordi?
Furono tre punti importantissimi, n passo avanti fondamentale per restare in A. Ricordo che fu una partita dura e combattuta, passammo subito in svantaggio ma fummo bravi prima a pareggiare e poi a segnare il gol vittoria (segnarono Diana e Di Michele ndr).

Quest’anno la trasferta a Catania può rappresentare il punto di svolta per la stagione del Toro?
Siamo ancora nel girone d’andata quindi mi pare prematuro parlare di svolta. Certamente noi veniamo da un periodo positivo, a livello di risultati ma anche e soprattutto di gioco. A Genova dove abbiamo perso abbiamo comunque disputato un’ottima prestazione. Dobbiamo continuare il nostro buon momento.

Il Catania di Zenga ha raccolto 15 punti su 18 in casa e fa delle palle inattive un proprio punto di forza. Una trasferta da prendere con le molle.
Sì sono una squadra molto ben organizzata che sfrutta con abilità il fattore campo. Dovremo fare molta attenzione ai loro calci piazzati, angoli e punizioni. Fanno un po’ di “confusione organizzata” in mezzo all’area, muovendo contemporaneamente quattro o cinque uomini. Dovremo essere concentrati e pronti per controbattere a dovere.

Il buon momento del Toro coincide con il suo ritorno da titolare dalla gara con l’Atalanta. Come sta?

Sono contento di come stanno andando le cose in questo periodo, per me e per la squadra. §Io cerco di allenarmi al meglio e farmi trovare quando il mister decide di mandarmi in campo.

Quanto hanno influito gli errori arbitrali sulla classifica del Toro?
In effetti penso ci manchino 3 o 4 punti. Ripenso al gol annullato a Bianchi ad Udine o a quello negato ad Amoruso a Genova. A fine anno di solito gli errori a sfavore si compensano. Adesso però dobbiamo mettere da parte queste considerazioni, dedichiamoci solo al campo ed ai prossimi impegni. Il morale e la fiducia in noi stessi ora sono alti.

Amoruso in questi giorni non si è allenato molto a causa di problemi fisici. Come vede in prospettiva una coppia d’attacco formata a lei e Bianchi?

Credo che considerando le nostre caratteristiche possiamo coesistere. Farci giocare o meno insieme è una decisione che spetta solo al mister. In attacco si gioca in due per volta, in certe occasioni anche in tre, ed il nostro reparto avanzato dà ampia possibilità di scelta visto che ci sono anche Abbruscato e Ventola oltre ad Amoruso e Rosina. Di volta in volta il nostro allenatore valuta chi è più in forma e sceglie di conseguenza. Credo che alla fine ci sarà spazio per tutti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy