Torino, a Sassuolo un’altra dimostrazione: se servito, Belotti può segnare

Torino, a Sassuolo un’altra dimostrazione: se servito, Belotti può segnare

Focus on / Poche occasioni per il Gallo, che però ieri è riuscito a concretizzare. Deve essere supportato di più

di Marco De Rito, @marcoderito

Ritorno al gol per Andrea Belotti. Il Gallo è ritornato a segnare dopo un digiuno lungo 279’ e sta facendo meglio rispetto anche alla scorsa stagione: 6 i gol segnati ad oggi, l’anno scorso erano 4. I segnali giunti sono finalmente positivi e anche Walter Mazzarri ha parole d’elogio per il suo attaccante: “Andrea ha giocato una buona partita”, poi però ha specificato: “Lui Zaza sono andati troppe volte in fuorigioco, dovevano essere più reattivi”.  Il Gallo, come sempre, ha disputato una partita di sacrificio, a servizio della squadra – “Bisogna sempre sacrificarsi e correre per la squadra. Sia io che Zaza abbiamo fatto due ottimi recuperi”, ha dichiarato nel post partita – ha corso tanto, ma ha sbagliato anche tanto.

Sassuolo-Torino 1-1, fuorigioco e cambi azzeccati: il duello in panchina va a De Zerbi

IL GOL RITROVATO – Nel primo tempo non è riuscito ad essere incisivo. Nella ripresa invece è riuscito a trovare la sua sesta marcatura in questo campionato- affermandosi come il miglior marcatore granata – nonché la 60esima in Serie A, confermandosi bestia nera del Sassuolo (4ª rete siglata ai neroverdi). Assist di Zaza, bello lo stop e controllo di Belotti che con una diagonale micidiale ha trafitto Consigli. Ottimo il movimento del capitano sull’assist dell’ex neroverde, da vero attaccante di razza. Le buone notizie da questa rete sono due: il Gallo è tornato a segnare, dimostrando di non aver perso il fiuto del gol, e la rete è nata da un’ottima intesa trovata con Zaza, come ha confermato il Gallo in zona mista: “L’intesa con Zaza sta crescendo, ogni giorno proviamo i movimenti e la cosa bella è che vengono anche in partita”. C’è sempre stata molta diffidenza sulla compatibilità dei due attaccanti, ieri i segnali giunti sono stati positivi.

STATISTICHE – È anche vero che la squadra mette poche volte Belotti davanti alla porta, ciò non è successo solo nell’ultima partita ma è un problema che si protrae da inizio campionato. Le statistiche dell’ultima gara lo sottolinea nano ancora una volta: il Gallo ha totalizzato una sola occasione da gol e solo un tiro effettuato nella porta avversaria. Poco ma la colpa non può essere imputata tutta quanta a Belotti, come ammette l’allenatore: “Forse i compagni avrebbero potuto servirlo di più”. Senza Iago Falque il rischio è questo, i due attaccanti rischiano di essere troppo isolati davanti. Se Mazzarri vuole schierare sia Zaza che Belotti, bisognerà effettuare i dovuti accorgimenti.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Vanni - 3 mesi fa

    Il Gallo non si discute. Abbiamo 4 dico 4 giocatori che avrebbero spazio neĺle prime 5 o 6:lui, Sirigu, N’kolou e Iago. Gli altri son tutti comprimari, compreso Meite che è buono ma troppo lento a metà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. SiculoGranataSempre - 3 mesi fa

    Ripeto sempre. Noi per fortuna abbiamo lí davanti uno come il Gallo che i gol sa farli. Ma deve essere lanciato in velocità verso la porta oppure inondarlo di cross dall’esterno. Se gli si chiede di fare cose più complesse con due tre tempi non è in grado. Non è Iguain ne icardi. È Belotti e l’allenatore deve organizzare il gioco per lui e per le sue caratteristiche. E ridico a WM per favore vai a vedere i 26 gol del 2016 e poi rifletti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Filadelfia - 3 mesi fa

    L’anno scorso era infortunato x buona parte del girone di andata. Si era tentato di recuperarlo x la nazionale peggiorando le cose. Il paragone non regge. Basterebbe informarsi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. michelebrillada@gmail.com - 3 mesi fa

    giusto il gallo deve fare il centroavanti e non il centroindietro come gli fa fare mister porte chiuse al filadelfia e a coloro che si permettono di criticare belotti io dico che se il toro avesse due o tre belotti sicuramente non avrebbe paura di nessuno e le partite le vincerebbe tutte viva il gallo giocatore straordinario .soriano e zaza e niang devono tornare da dove sono arrivati portandosi sopprattutto insieme il mister forza cairo sveglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-13973712 - 3 mesi fa

    comunque io resto convinto che Belotti e Zaza potranno anche affinare la loro intesa, ma non diventeranno mai complementari come Pulici e Graziani…sono troppo simili come ruolo per poter giocare insieme

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-14103079 - 3 mesi fa

    Hai ragione..ieri sera ha fatto l’esterno di sinistra…il Gallo deve stare al centro e la squadra lavorare per lui. Non può rientrare sempre in difesa…se ha palle decenti segna!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-14103079 - 3 mesi fa

    Hai ragione ieri faceva l’esterno di sinistra…il Gallo deve stare al centro e tutto giocare per lui..allora i gol sono assicurati. Con Zaza non c’è intesa sono due centrali..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. marcohelg_385 - 3 mesi fa

    visto sassuolo e le partite ravvicinate darei riposo ad aina e meite e dentro de silvestri e iago falque con l’empoli si puo’ fare o la va o la spacca… poi a roma con la lazio fuori zaza e via cosi… certo è che soriano via a gennaio e dentro un mezza punta alla de paul….(magari…)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. BIOFA70 - 3 mesi fa

    Credo che la coperta sia troppo corta…tanti auspicano le 3 punte ma forse questa rosa non ne ha le caratteristiche per supportare questo modulo. Il centrocampo tolto Soriano,già partente,a solo lukic come prima riserva per i 3 centrocampisti e in attacco se giochiamo a tre chi sarebbero i cambi?..Edera e Parigini?
    La vedo dura senza un mercato di riparazione molto attivo in entrata…Cairo permettendo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hagakure - 3 mesi fa

      Quando testadighisa darà la stessa fiducia, le stesse opportunità e lo stesso minutaggio che ha dato ad AMEBE come Soriano e compagnia, allora ne riparleremo.

      Troppo comodo giudicare due Ragazzi sulla base del loro “minutaggio pressochè nullo” o su una partita del cazzo come quella con il Sudtirol..!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Hagakure - 3 mesi fa

    Ditelo a testadighisa, che tutte le volte che applica il suo “catenaccio alla Nereo Rocco” (praticamente sempre) lo obbliga a fare il maratoneta avanti e indietro tra difesa, centrocampo ed attacco.

    Forse testadighisa non sa ancora che un vero centravanti non deve spomparsi, ma dev’essere servito con costanza e puntualità per poter fare il suo mestiere, vale a dire mettere il pallone in porta alle spalle del portiere avversario.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy