Torino: Aramu, Belotti e Martinez, il tridente a piedi invertiti funziona

Torino: Aramu, Belotti e Martinez, il tridente a piedi invertiti funziona

Disposizione tattica / Al netto dell’avversario, segnali confortanti dal pacchetto offensivo sceso in campo dal primo minuto: gli esterni posizionati in modo da potersi accentrare ed andare al tifo con facilità

2 commenti

Prima uscita stagionale, prime indicazioni tattiche: Mihajlovic sta lentamente costruendo il proprio Torino andando a puntellare quei reparti che a suo modo di vedere presentano maggiori lacune, ma anche conferendo ai propri giocatori una compattezza ed una quadratura tattica di base ben definita. Nell’amichevole contro l’Olympic Morbegno, che i granata hanno disputato ieri pomeriggio imponendosi per 13 a 0, sono arrivati alcuni segnali decisamente interessanti in vista della stagione a venire.

Pur considerato il valore dell’avversario, e quindi fatte le debite proporzioni, spunti incoraggianti sono arrivati in particolar modo dai giovani e dal tridente d’attacco che il tecnico serbo ha deciso di schierare dal primo minuto: il terminale offensivo – di un 4-3-3 – a “piedi invertiti” Come era stato infatti anticipato su queste colonne (leggi qui) Mihajlovic ha voluto testare Mattia Aramu e Josef Martinez rispettivamente alla destra ed alla sinistra della boa centrale, Andrea Belotti: non una decisione casuale. Schierati in questo modo, gli esterni d’attacco hanno infatti la possibilità di accentrarsi ed andare al tiro con il piede forte con maggiore frequenza piuttosto che defilarsi e cercare il traversone: Martinez – che ha sbloccato il match siglando così la prima rete della stagione granata – è un destro, mentre Aramu al momento era l’unico componente mancino del pacchetto offensivo a disposizione. In più, è arrivata la tripletta di Belotti, terminale offensivo definitivo.

Sono quindi ben definite le idee di Sinisa Mihajlovic, che punterà a mantenere questo schieramento tattico pur variando gli interpreti: con ogni probabilità infatti il tridente offensivo titolare del Torino, almeno ad inizio stagione, sarà composto dai nuovi innesti Iago Falque e Ljajic (attesi quest’oggi a Bormio per unirsi definitivamente alla squadra) ai lati di Belotti. Lo spagnolo, mancino puro, occuperà la fascia destra mentre al serbo, più duttile ed ambidestro, sarà affidata la corsia sinistra: un tridente a piedi invertiti ancora da puntellare e perfezionare ma che, alla base, ha già dato segnali incoraggianti nella prima uscita stagionale.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ospunda - 1 anno fa

    Il risultato credo conti nulla, comunque Martinez come esterno lo vedo abbastanza bene. Aramu da tenere, insieme a Paragini. Con Falque, Boyé e ML davanti ci siamo. Manca un mediano, disperatamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Jone - 1 anno fa

      Manca un regista. Mediani non ci servono.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy