Torino, arriva il Chievo fanalino di coda: ora c’è da evitare l’effetto-Parma

Torino, arriva il Chievo fanalino di coda: ora c’è da evitare l’effetto-Parma

L’avversario / Allo stadio Olimpico Grande Torino arriva l’ultima in classifica, che però non è da sottovalutare

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Il Torino, dopo aver battuto l’Atalanta nello scontro diretto dal sapore di Europa, si prepara al prossimo incontro in campionato, che assume una valenza molto importante ai fini della corsa al sesto-settimo posto. Allo stadio Olimpico Grande Torino, domenica alle ore 12:30, arriverà il Chievo Verona, squadra ultima in classifica con un distacco pesante dalla zona salvezza (11 punti) tale che pare difficile non ritenere i clivensi ormai condannati alla retrocessione in Serie B. Questa sarebbe conseguenza di una stagione nata male fin dall’inizio, con la penalizzazione per la vicenda delle plusvalenze fittizie, continuata male – con il breve interregno Ventura – e proseguita peggio, con l’avvento in panchina di Mimmo Di Carlo che ha restituito compattezza alla squadra senza però al momento porre i presupposti a livello di punti in classifica per sperare in rimonte (quattro sconfitte e due pareggi nelle ultime sei partite).

Chievo Verona v Torino FC - Serie A

RISCHIO – In ogni caso, il Chievo sicuramente arriverà nel capoluogo piemontese senza nulla da perdere: i calciatori e l’allenatore hanno comunque intenzione di onorare la maglia e di mettersi in mostra per il futuro personale. In tal senso sarebbe importante per il Chievo fare uno sgambetto casalingo ad una squadra come quella granata che però non può permettersi di non vincere, considerata la situazione così particolare in classifica. Tutto il Toro vuole evitare episodi di rilassamento dopo una grande vittoria: il ricordo della sconfitta contro il Parma dopo la grande partita con la Sampdoria alberga nelle menti di molti.

Chievo Verona v Torino FC - Serie A

ANDATA – Se il rischio di sottovalutare l’avversario è latente, al Torino basterà ricordare il match di andata. 89 minuti in cui gli scaligeri si sono chiusi in difesa, hanno bloccato la manovra granata e li hanno murati cercando di agguantare il pareggio: ci è voluto il primo ed unico gol di Simone Zaza per uscire dal Bentegodi con tre punti. L’attaccante ha capitalizzato una delle poche occasioni capitatagli sui piedi – prodotta da un bel passaggio filtrante di Berenguer – e i granata ne sono usciti festanti: un pizzico di fortuna in una partita che sembrava destinata a finire 0-0. Al Grande Torino servirà una prova di forza, per dimostrare di aver compiuto finalmente quella crescita che potrebbe portare i granata a pensare seriamente all’Europa.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. patricio.hernandez - 3 mesi fa

    sirigu izzo moretti n’koulou aina ansaldi baselli meite’ rincon falque zaza belotti se non giochi cosi con il chievo quando allora?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. azteco - 3 mesi fa

      si gioca in 11

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. venariadovè - 3 mesi fa

      a parte che hai citato 12 persone.ma figurati se Mazzarri, uno come Mazzarri, dopo gli ultimi risultati positivi oltretutto, si mette a fare esperimenti cambiando modulo,rinunciando a un centrocampista e inserendo un alieno come zazzà che dopo 7 mesi non ha ancora la più pallida idea di dove si trovi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. SiculoGranataSempre - 3 mesi fa

    3 4 3 puro e senza fronzoli. O al massimo 3 4 1 2. Falque Zaza Belotti. Centrocampo Aina Meité Rincon Ansaldi. Difesa quella che c’è.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. unasolafede - 3 mesi fa

      Sono d’accordo e mi piacerebbe vedere una volta Belotti esterno di un attacco a tre. Penso che con la sua corsa potrebbe fare danni e per di più sia lui che Iago potrebbero rientrare e andare al tiro col piede giusto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata - 3 mesi fa

        Belotti avendo una pessima conduzione di palla, non è adatto ne al contropiede ne a fare l’esterno. Infatti cerca sempre il fallo o un compagno a cui passare la palla è fondarsi in area per il tiro. Belotti è un finalizzatore eccezionale. Sa dov’è la porta anche ad occhi chiusi ma non può fare il lavoro che dici.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. user-13797744 - 3 mesi fa

      Invece della formazione sarei più interessato sapere al perché eri d accordo sulle spiegazioni o considerazioni date sulla Fiorentina nella quale venivano riportate e che definivano la vittoria Viola grazie alla morte di Astori nei commenti. Spero che sia stato un disguido o interpretazione errata.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. SiculoGranataSempre - 3 mesi fa

        Ciao user-13797744, scusa ti riferisci a me per il commento su Astori?
        Se si, non so di cosa parli. Non ricordo di aver commentato posti di “quel tono lì” in quanto lungi dal mio modo di pensare. C’è sempre la possibilità di un errore, ma a questo punto vorrei qualche dato in più per andare a verificare. Dimmi quale articolo di TN almeno per ritrovare ciò di cui parli. Ti faccio sapere.
        N.b. In ogni caso ripeto che mai avrei potuto farlo perchè non penso che le vittorie o le scelte arbitrali con la Viola possano avere alcuna relazione con la scomparsa di Astori. Sono basito!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. user-13797744 - 3 mesi fa

      Ciao Siculo, chiariamo: nn ho scritto che hai commentato Astori . Forse nn avevi letto tutta la pagina in questione, per scrivere testuale : sono d accordo sulle considerazioni sulla Viola e su Chiesa. Sono rimasto perplesso perché leggo con stima e piacere i tuoi interventi . Quindi volevo sapere il perché .serie A la classifica toro al sesto posto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. SiculoGranataSempre - 3 mesi fa

        Ciao, ho scritto che condivido che Chiesa ha un comportamento scorretto e spesso irruento e a volte un po’ “Attore” nelle cadute, sempre polemico e ciò me lo rende antipatico. A me sta antipatico, stop. Anche se giudico sia fortissimo, il più forte giocatore italiano emergente. Suo papà era un’altra cosa. Ricordo che Belotti viene sempre picchiato a sangue ma al massimo allarga le braccia e sorride… Chiesa va a muso duro contro chiunque. Antipatico, confermo.
        Condivido, e l’ho scritto anche, che la Viola non meritava quel rigore ma meritava di pareggiare. Questo condividevo con quelli che ne avevano scritto.
        Lo confermo.
        Ma ovviamente non posso essere essere d’accordo, anzi manco li leggo, con i commenti fuori dalle righe e stupidi in genere, ancor più se si riferiscono a tragedie umane. Per il resto ho espresso opinioni legittime senza offendere nessuno.
        Il malinteso nasce dal fatto che tu hai pensato che io condividessi TUTTO quanto scritto in quella pagina a proposito della Viola. Ma se leggi le argomentazioni del mio post capisci subito che ho argomentato, come cerco di fare sempre.
        Grazie per tutto il resto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. schmat - 3 mesi fa

    Conta solo vincere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy