Torino, c’è lo spauracchio Zapata: Mazzarri prepara la gabbia

Torino, c’è lo spauracchio Zapata: Mazzarri prepara la gabbia

Verso il match / Zapata ed Ilicic tra i più pericolosi, tenerli a freno e ripartire potrebbe essere la soluzione

di Andrea Marchello, @AndreaMarchell0

Sabato il Torino ospita all’Olimpico l’Atalanta, avversario mai semplice da affrontare: grande proiezione offensiva, un impatto fisico straripante e spiccate qualità dei singoli sono tutti punti di forza della squadra allenata da Gasperini.

CONTENERE – Anzitutto, per affrontare con il piglio giusto l’avversario, bisognerà concedere pochi spazi all’attacco. Sopratutto da un po’ di tempo a questa parte, Ilicic e Zapata stanno rivelandosi letali in molte occasioni grazie alle loro giocate ed alle loro indiscutibili qualità tecniche ed alla grande visione di gioco. Zapata nelle ultime 10 gare disputate ha mancato l’appuntamento con il goal solo due volte, contro Milan e Cagliari, segnando però in questo periodo 15 goal (tra cui un poker ed una tripletta): fuori casa l’Atalanta segna di più, e fa molto affidamento sull’estro dell’attaccante colombiano, vera spina nel fianco delle difese della Serie A. Sarà uno degli osservati speciali della difesa di Mazzarri, che dovrà imbrigliarlo per evitare di farlo esprimere.

PUNGERE – In secondo luogo sarà essenziale la capacità di ripartire e far male bucando una difesa atalantina non sempre impeccabile, che ha già subito 34 goal. Per far male all’Atalanta però non si può prescindere dalle prestazioni degli attaccanti, che devono ritrovare la forma perduta; partendo da Belotti, punto fermo dell’attacco granata che non ha ancora segnato nel 2019 (l’ultima rete è il rigore contro la Lazio del 29 dicembre), fino ad arrivare a Zaza e Iago, attualmente in ballottaggio per affiancare il Gallo ma anche loro molto al di sotto delle loro potenzialità. I tanti spazi, sopratutto per vie centrali, concessi dall’Atalanta potrebbero risultare invitanti per ritrovare il goal.

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. iard68 - 3 mesi fa

    Si si, dai… un bel gabbione! IN CASA NOSTRA (eh… mica a Bergamo) “tenerli a freno e ripartire potrebbe essere la soluzione”… Quindi in tre su Zapata, altri tre su Ilicic, in tre su tutti gli altri e… Belotti. Belotti che è “punto fermo dell’attacco granata che non ha ancora segnato nel 2019”. E come fa a segnare ‘sto povero xto? Ne avrà un paio addosso tutti per lui, magari tre, visto che dei nostri, non ci sarà nessun altro da marcare… Marchello, questa schifezza di articolo fa il paio con la schifezza degli schemi di Mazzarri. A fine anno magari togli il disturbo anche tu…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rossodisera - 3 mesi fa

    Per migliorare le azioni offensive ci vuole più tecnica in campo ma l’allenatore sta cercando chi fa meglio le due fasi di gioco a seconda della forma atletica che vede durante la settimana. Probabilmente non ci saranno cali fisici fino all’ultima partita.
    A parte alcune partite tipo Napoli di domenica dobbiamo mettere più calciatori offensivi e tecnici altrimenti non si va da nessuna parte.
    Ci vuole forza e coraggio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. da sempre Toro - 3 mesi fa

    temo che Mazzarri non sia in grado di allenare la squadra alla fase attiva. Questo perché non credo che tutti gli attaccanti si siano imbrocchiti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. bric - 3 mesi fa

    a mio parere potremmo essere più competitivi se avessimo un po più di autostima e fiducia sulle nostre forze. invece di pensare a zapata, in questo caso. pensiamo a migliorarci noi, metterci più voglia, più passione, più attenzione per esempio. soprattutto meno confusione quando la palla l abbiamo noi o muoversi senza, proporsi con i tempi giusti, attaccare in 4 o più e magari riuscire a calciare nello specchio della porta…ormai è da luglio… ma agli allenamenti cosa si fa?? ci si allena a non subire gol o per lo meno solo sulla fase difensiva,il resto non serve. dico così perché vedo quasi tutti i giocatori involuti tecnicamente a parte un paio. le prime partite di campionato si giocava meglio perché i nostri avevano più fiducia nei loro mezzi. ricordo il primo meitè o anche baselli dell inizio, yago, ed altri. psicologicamente ormai, pensiamo solo a distruggere…. caro wm pensiamo per una volta, a fare un gol più degli avversari??magari ci si diverte di più..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-13972345 - 3 mesi fa

    prepara le dimissioni che è meglio x tutti mister pareggio segno x un tiro in porta ogni partita

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Giampaolo o Gasperini - 3 mesi fa

    Prepara il pullman

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ACT1906 - 3 mesi fa

      Infatti vero vero, quello a due piani… E per carità
      FORZA TORO!!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy