Torino-Atalanta, Petrachi: “Rinnovi in anticipo? Abbiamo mantenuto le promesse”

Torino-Atalanta, Petrachi: “Rinnovi in anticipo? Abbiamo mantenuto le promesse”

Il ds dei granata nel prepartita: “Non bisogna solo pretendere, occorre anche dare. Sappiamo perché i risultati non sono quelli sperati, di questa esperienza faremo tesoro in futuro. Ventura? Non abbiamo ancora deciso niente, aspettiamo di chiudere il campionato e raggiungere la salvezza e poi ne riparleremo”

3 commenti
Gianluca Petrachi Torino

Il ds del Torino, Gianluca Petrachi, prima della partita tra Torino ed Atalanta rilascia le seguenti dichiarazioni ai microfoni di Sky: “Ventura? Adesso la cosa più importante è mantenere la concentrazione e continuare sulla scia della vittoria contro l’Inter, poi nel momento in cui si otterrà l’obbiettivo, ovvero la salvezza e finire in crescendo il campionato. Poi si potranno tirare le somme e decidere cosa fare nel futuro”.

Alla domanda sui rinnovi fatti così in anticipo a giocatori e staff, il diesse risponde: “Questo è un gruppo che negli ultimi quattro anni ha fatto risultati straordinari, avevamo fatto delle promesse a tutti i giocatori in scadenza e dovevamo rispettarle: non si può sempre pretendere ma bisogna anche dare. I risultati poi non sono stati quelli sperati, noi sappiamo perché e da questa vicenda impareremo come comportarci nel futuro in queste situazioni”.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Atanor - 2 anni fa

    Ventura per sempre. Educatore prima, allenatore poi. Gentiluomo sempre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 2 anni fa

      Atanor … gentiluomo sempre … anche quando ha fatto il gesto del pollice sotto la gola ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. aterreno - 2 anni fa

    beh almeno e’ piu’ onesto di Cairo (che dice, Ventura non si tocca, ecc) se ne parla alla fine.

    Se la crescita si concretizza, per carita’, meglio restare con Ventura, se le vincono tutte da qui alla fine..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy