Torino, attacco stellare nel 2015: 16 i gol nel nuovo anno

Torino, attacco stellare nel 2015: 16 i gol nel nuovo anno

Approfondimento / Secondo miglior attacco della Serie A nel 2015 e un bomber che non ti aspetti: capitan Glik, che in stagione ha segnato più di Totti, quasi il doppio di Okaka

 

12 realizzazioni in 16 partite, uno dei peggiori attacchi d’Europa. Così il Toro si era affacciato al nuovo anno, con questo tutt’altro che invidiabile score che testimoniava una difficoltà in fase realizzativa in apparenza irrisolvibilie.

Qualcosa, però, è cambiato con il nuovo anno, e in questi primi due mesi di 2015 il Toro ha realizzato ben 16 gol, esattamente come la Fiorentina quarta in classifica. Meglio del Toro, solo la Juventus, con 17 realizzazioni, ma i confronti servono a poco: quello che davvero conta è il dato di fatto insidacabile riguardante il risveglio in fase offensiva degli uomini di Ventura, capaci non solo di segnare, ma anche e soprattutto di fare punti consecutivamente, senza fermarsi, per tutte queste partite. 

Gli attaccanti, come è giusto che sia, hanno fatto la loro parte in questo inizio anno: Quagliarella ha cominciato a segnare con più regolarità, Maxi Lopez è risultato decisivo, Martinez, anche se spreca molto, è andato a segno a Verona, così come Amauri che è riuscito a sbloccarsi contro la Sampdoria. Ieri poi, contro il Napoli, è arrivato il sesto sigillo stagionale di capitan Glik, vero e proprio attaccante aggiunto del Toro: il numero 25 è alla seconda marcatura in questo 2015 – dopo quella contro il Milan – e ha, ad oggi, segnato di più di una bandiera come Francesco Totti (5 reti), e del tanto acclamato Stefano Okaka (solo 4 realizzazioni). Il difensore polacco, inoltre, risulta essere il centrale più prolifico d’Europa: nessun altro difensore, infatti, ha segnato quanto lui nei massimi campionati continentali.

Non dimentichiamoci, poi, il gol da tre punti di un altro difensore, Moretti, contro l’Inter, e il risveglio in zona gol del centrocampo, con le realizzazioni di El Kaddouri, Benassi e Vives, oltre a quella di Peres a suggellare la splendida vittoria contro la Sampdoria. 

Un reparto, quello offensivo (a cui aggiungiamo Glik, che sui calci piazzati è una punta aggiunta) che sembra oramai cominciare a girare, e che non ha intenzione di fermarsi. Domenica c’è l’Udinese, e i granata sono chiamati a dare continuità a quanto fatto fino adesso, segnando e portando a casa punti. Il gol, dalle parti granata, è ritornato ad essere una piacevole costante.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy