Torino, attento a Florenzi. Salah mina vagante

Torino, attento a Florenzi. Salah mina vagante

Verso il Match, l’analisi di centrocampo ed attacco/ I due reparti sono devastanti ed invidiati da tutta l’Italia, la squadra di Ventura deve impostare la partita in maniera impeccabile.

Baselli

Dopo aver analizzato la difesa, passiamo all’analisi dei due reparti della Roma che, rispetto alla difesa, hanno regalato maggiori soddisfazioni ai tifosi in questo campionato.  La Roma, infatti, risulta essere il migliore attacco del campionato con 70 reti all’attivo.

La qualità del reparto centrale dei giallorossi è molto rara nella massima serie ma desta invidia anche a molti top-club europei. Nonostante  la probabile assenza di Pjanic, Spelletti può contare su una grande abbondanza nella zona centrale di campo.

La mancanza del bosianco, dovrebbe essere l’unica variazione rispetto alla formazione del match d’andata, infatti nella partita terminata 1-1 all’Olimpico di Torino nella formazione, allora allenata da Garcia, c’erano proprio Nainggolan, De Rossi e Pjanic. Quest’ultimo era andato anche a segno da calcio di rigore al 38′. Al posto di Pjanic dovrebbe giocare Florenzi che è un degno sostituto del bosniaco, il centrocampista italiano ha il fiuto del gol come dimostrano le sette reti segnate in ventinove presenze in questa stagione.

Rispetto all’andata, Daniele De Rossi ha avuto un calo incredibile di qualità nelle prestazione. ‘Capitan futuro’ sembra irriconoscibile, era il giocatore che faceva sognare tutta l’Italia con la sua tenacia, la sua tattica, con il suo tiro chirurgico e potente con il quale difficilmente sbagliava gol e punizioni. Ora sembra invece l’uomo di troppo, schiacciato dalla difesa e dagli esterni di centrocampo, non riesce ad esprimersi, a ritagliarsi il proprio spazio e ad impostare. Mercoledì cercherà sicuramente di riscattarsi e di incantare il proprio pubblico come sapeva fare lui.

Per quanto riguarda l’attacco, molti degli attaccanti  sono cambiati rispetto alla sfida d’andata tra il Toro e la squadra capitolina. Il trio offensivo, nella gara d’andata, era composto da: Iago Falque, Dzeko e Gerivinho con Iturbe entrato a partita in corsa. Mentre nell’ultima partita dei giallorossi hanno giocato: Salah, Dzeko e Perotti.

Sabatini nel mercato di gennaio ha rivoluzionato questo reparto, sono stati ceduti: Gervinho, Iturbe e Mendez mentre in entrata sono arrivati: El Shaarawy e Perotti. Due acquisti che si sono rivelati fondamentali e decisivi per il nuovo corso della Roma di Spaletti.

Il giocatore che, però, desta più problemi a Ventura è proprio Salah. L’attaccante non ha disputato la sfida nella gara d’andata ma quasi sicuramente sarà titolare mercoledì e le sue qualità sono estro e velocità. Il tecnico granata dovrà chiuderlo in gabbia anche se sarà difficile vista la sua agilità e la sua visione di gioco…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy