Torino, retroscena Avelar: quell’operazione ai tempi del Karpaty…

Torino, retroscena Avelar: quell’operazione ai tempi del Karpaty…

La stagione può finire qui / Il laterale brasiliano ebbe già dei problemi al crociato anteriore quando giocava in Ucraina: fu operato in Germania, ma forse non tutto andò come previsto. La risonanza magnetica farà da spartiacque

5 commenti

Tanta, tantissima sfortuna, ma non solo. Mentre sono ancora da approfondire le cause che hanno portato al nuovo trauma distorsivo con probabile interessamento del crociato anteriore sinistro, sorgono alcune valutazioni sulle reali condizioni del ginocchio di Avelar, per il quale si prospetta un’operazione e un conseguente altro lungo stop. Salvo smentite, per il brasiliano la stagione finisce qui.

MENISCO? NO – Anzitutto, c’è da precisare che l’intervento subito a settembre dall’esterno brasiliano non ha avuto influenza sul nuovo problema. Il nuovo trauma non ha a che vedere né con l’infortunio di Verona, né con il successivo, lungo recupero. Il problema, infatti, questa volta riguarda i legamenti del ginocchio del brasiliano: un problema già avuto in carriera quando lo stesso si confrontava per la prima volta con il calcio europeo. Ai tempi del Karpaty, Avelar ebbe lo stesso identico problema e all’epoca la stabilizzazione post trauma fu davvero lunga.

Avelar
Il sorriso di Avelar, dopo il primo infortunio con il Torino

IL PRIMO LUNGO STOP – 28 luglio 2011, la squadra guidata da Oleg Kononov gioca la sfida d’andata dei preliminari di Europa League contro gli irlandesi del St. Patricks. Avelar parte titolare ma la sua gara dura soltanto 20 minuti: il ginocchio fa ‘crac’, è l’inizio del calvario. Operazione in Germania e percorso intenso di terapie in patria per tornare a disposizione il prima possibile. Il 2 febbraio 2012 il giocatore torna dal Brasile in Ucraina ed è nuovamente in campo con resto del gruppo. Ma Avelar è chiaramente in ritardo di condizione rispetto ai suoi compagni di squadra, così inizia la sua personale preparazione atletica, onde compromettere ulteriormente l’articolazione e gli stessi legamenti. 7 aprile 2012, nove mesi dopo il brasiliano torna in campo, nella sfida di campionato contro il Metalurh Donetsk (squadra dalla quale nel futuro prossimo il Torino preleverà lo svincolato Vasyl Pryyma) e il peggio sembra passato.

ventura, avelar, toro, Avelar e Torino
Le lacrime di Avelar in Verona-Torino 2-2. Era il 13 settembre

DESTINO AMARO – Avelar approda successivamente nel campionato italiano e tra le fila del Cagliari a spizzichi e bocconi, salta 4 giornate per infortunio. Il ginocchio regge e non sembra più un problema. Quindi l’arrivo sotto l’ombra della Mole, le visite mediche – più che dettagliate – vengono superate con successo. Arriva quella maledetta sfida al Bentegodi di Verona, lo scontro con Siligardi  e l’inizio di un nuovo calvario. La prima diagnosi richiede la semplice asportazione del menisco: tre settimane che sarebbero però diventante quattro, sei, due mesi. Il rientro in campo, i contrasti di gioco tra le file della Primavera e quel ginocchio apparentemente stabile ma che provoca un forte dolore al brasiliano, non appena l’articolazione stessa va sotto stress. Una situazione, per intenderci, molto simile a quella in cui si imbattè lo svedese Farnerud.

Ora la sentenza definitiva: “forte trauma distorsivo, con verosimile interessamento del legamento crociato anteriore”. La prossima settimana, salvo smentite, il ragazzo sarà nuovamente operato e a quel punto si parlerà di stagione terminata in anticipo. Un campionato sfortunato, per lui, da depennare prontamente dalla memoria. Cercando di gettarsi il problema alle spalle, per tornare in granata più forte che mai…

Manolo Chirico

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. RDS- toromaremmano - 2 anni fa

    Va beh, abbiamo preso una sola!| peccato in fondo dal quel che aveva fatto vedere nelle prime partite, non era male.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. granata70 - 2 anni fa

      avelar è un ottimo terzino ed avrebbe fatto la differenza. Nel cagliari ha fatto un gran campionato con tantissimi assist. Spero torni per la prossima stagione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Carontss4 - 2 anni fa

    Ri-tornare più forte che mai? Meglio incerottarlo per bene e venderlo al primo acquirente….oramai carriera finita, salvo miracoli, che non avverranno a Torino, tradotto, meglio pensare già al sostituto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. aterreno - 2 anni fa

    Che pacco, Obi, Farnereud, ma tutte le squadre hanno una tale lista di rotti?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. blubba - 2 anni fa

    No problem:abbiamo barreca di che ci preoccupiamo la soluzione è pronta ed è casalinga nonchè migliore dell’attuale e acosto zero cosa che papa Cairo nn dispiace

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy