Torino: Bacca la costante nel reparto offensivo del Milan

Torino: Bacca la costante nel reparto offensivo del Milan

L’avversario / Molti i cambiamenti rispetto all’andata, il colombiano sempre protagonista

Un attacco che sembrava non sbloccarsi quello del Milan. Numeri negativi che non preoccupavano soltanto i tifosi , ma anche il presidente del club, il quale è reduce da spese abbastanza corpose. Per ingranare e trovar il giusto assesto, Mihajilovic ci ha messo un bel po’. Con il partente 4-3-3 gli attaccanti non erano valorizzati al massimo, a causa soprattutto della mancanza di qualità nelle corsie laterali. Nella partita del 17 ottobre, contro i granata, il serbo ha schierato un tridente abbastanza discutibile, nel quale erano presenti Bonaventura, Luiz Adriano e Cerci. Oggi il tecnico ha trovato il giusto assesto e il giusto equilibrio.

LA NUOVA COPPIA D’ATTACCO – Protagonisti indiscussi di questo nuovo reparto avanzato sono Carlos Bacca e M’Baye Niang. Dal primo ci si aspettava tanto, visti gli ottimi risultati che ha raggiunto a Siviglia. Dal francese ci aspettavamo un po’ meno a causa dei suoi pessimi rendimenti nelle scorse stagioni. Niang può essere paragonato alla fenice della squadra, dal prestito al Genoa fino all’exploit a San Siro. La prima parte di stagione la salterà a causa di un brutto infortunio al metatarso,  ma avrà occasioni di rifarsi subito dopo il suo rientro. Contro la Sampdoria attira su di se gli occhi di tutto il palcoscenico calcistico, siglando una doppietta che mette KO i liguri. Ad oggi sono ben 5 le reti del francese di Meulan, ma se possiamo considerarlo un vero e proprio bomber, non possiamo fare altro che lodarlo anche per i suoi 4 assist. Un giocatore completo che miete vittime in campionato, forte fisicamente e mentalmente, un astro nascente della A. Ad affiancarlo è Carlos Bacca, il quale non è per niente una sorpresa. Il colombiano si posiziona al terzo posto nella classifica marcatori con 13 reti. Dinanzi a lui soltanto Paulo Dybala e l’irraggiungibile Gonzalo Higuain.

I CASI ADRIANO E CERCI – Se parecchie sono le nuove comparse nel reparto avanzato, molti sono anche gli “scomparsi”, da Luiz Adriano a Cerci. La coppia d’attacco ad inizio campionato doveva essere Luiz Adriano-Bacca, ma gli scarsi risultati hanno costretto l’allenatore serbo a dover cambiare spesso. Uno dei tanti provati e riprovati è stato Alessio Cerci, il quale dopo parecchie chance è stato messo ai margini del progetto Milan. L’ala destra ha ormai da tempo lasciato il club, approdando al Genoa, dove è diventato elemento cardine della rosa di Gasperini. Storia totalmente diversa quella dell’attaccante brasiliano. Il classe 87′ di Porto Alegre era vicinissimo alla cessione durante la sessione invernale di mercato, ma quando tutto sembrava filare liscio arriva la beffa dei cinesi e l’affare clamorosamente salta. E’ così che anche l’ex Shakhtar è stato messo ai margini del progetto.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy