Torino, Baselli a due volti: Mazzarri lo vede anche trequartista

Torino, Baselli a due volti: Mazzarri lo vede anche trequartista

Focus on / Blocco psicologico nel primo tempo, meglio nella ripresa. Mazzarri lo coccola: “Bene anche da trequartista”

di Nicolò Muggianu

Baselli a metà. Cagliari-Torino è stata una partita divisa in due momenti precisi: un primo tempo disastroso, fatto di errori tecnico-tattici clamorosi, e una ripresa in cui i granata sono riusciti a imporre il proprio gioco anche grazie al cambio di modulo. Una cosa è certa: il match della Sardegna Arena ha messo in evidenza come il 3-5-2 non sia il modulo più congegnale per il Torino, con diversi giocatori che si sono spesso trovati in difficoltà nel ricoprire ruoli tutt’altro che “cuciti su misura“.

ERRORI – Primo tempo shock. Quarantacinque minuti da horror di cui Baselli, suo malgrado, è stato sfortunato protagonista. Prima il gol sbagliato in maniera piuttosto grottesca: è l’8′ quando l’ex Atalanta calcia con sufficienza un pallone proveniente dalla destra che chiedeva soltanto di essere accompagnato in rete. Un errore che riassume perfettamente la mentalità con cui il Torino ha affrontato la prima frazione di gioco. Tante scelte di gioco errate, forse troppe per un giocatore della sua qualità; chiamato a fare la differenza in una squadra che ha estremo bisogno delle sue giocate. Un vero e proprio blocco psicologico.

CRESCITA – Nel secondo tempo però qualcosa cambia. Mazzarri cambia modulo e Baselli si trasforma. Il 3-4-1-2 permette al classe 1992 di ampliare il proprio raggio d’azione: minuto dopo minuto torna la fiducia e finalmente si torna ad intravedere sprazzi del vero Baselli. Tanti ottimi passaggi, gioco legato alla perfezione ma non solo. I 12 palloni recuperati a fine partita evidenziano un netto capovolgimento di tendenza, che proiettano il centrocampista al top dei ventidue in campo. Una gara in crescendo dunque, con Mazzarri che nel post partita non ha esitato a ribadire la sua fiducia nei suoi confronti: “Ljajic? Nei primi minuti della ripresa abbiamo spostato in avanti Baselli e ha fatto bene“.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. drino-san - 4 mesi fa

    Dai che forse dopo quasi due anni smette di giocare mezzala fuori ruolo…e magari scopriamo che abbiamo un bel playmaker

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. WGranata76 - 4 mesi fa

    Un riassunto molto sintetico e sostanzialmente errato, di un giornalista che probabilmente non ha mai giocato a calcio e quindi non sa osservare.
    Innanzitutto Baselli nel primo tempo ha davvero sbagliato tanti palloni, ma il più grave ossia il gol mangiato è anche l’unico davvero sanguinoso, mentre per il resto del primo tempo ha giocato comunque molto meglio di tutti gli altri, escluso De Silvestri. Nella prima frazione di gara in pratica solo due giocatori, pur sbagliando, hanno profuso tutto l’impegno possibile e questi due già citati hanno recuperato e giocato tanti palloni. Poi è vero che in un paio di recuperi in difesa Baselli poteva gestire molto meglio il pallone e che in una occasioni o due si impappinato con Moretti, ma lui era lì sempre presente al raddoppio e a fornire lo scarico, mentre gli altri giocatori nel primo tempo erano orripilanti per scarsezza di grinta.
    Baselli era bello carico e finchè tutti intorno giocavano male ha sofferto del brutto gioco del collettivo, mentre poi nel secondo tempo, anche supportato dai compagni e avanzata la sua posizione ha aumentato la qualità della sua partita ed è stato il migliore in campo, dopo Ljajic e Iago.
    Dal punto di vista tattico è ovvio che Mazzarri lo provi come trequartista, anche perchè ha i numeri tecnici ed è nato calcisticamente in quella posizione. Ha le qualità per fare il centrocampista avanzato, che sia mezza punta o mezzala alta propensa all’inserimento, Baselli ha qualità, ma per ora è mancata la continuità.
    Speriamo sbocci sotto la guida di Mazzarri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. davidegranata - 4 mesi fa

      Baselli è un giocatore con un potenziale altissimo…giovane, tecnico r grintoso nonostante la sua scarsa prestanza fisica…proprio per questo problema per me nn riesce a essere continuo e a volte troppo nervoso inutilmente…ovviamente quando incontri le squadre forti fisicamente lui fa fatica nei contrasti e ovviamente quando si corre tanto senza ottenere risultati i diventa nervosi e si commettono ingenuità…dovrebbe essere un giocatore da due tocchi e che fa.inserimenti e.cmq più offensivo che difensivo perché a difendere non è che nn è capace però quando fa le entrate a volte non lo sentono neanche o cmq riescono ad Andare al tiro…il trequartista è il ruolo migliore sicuramente per le sue doti…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy