Torino, Baselli sfida il Carpi: il gioiellino deve poter crescere senza pressioni

Torino, Baselli sfida il Carpi: il gioiellino deve poter crescere senza pressioni

Focus on / Il classe ’92 ha bisogno di serenità per rendere al meglio: il pubblico dell’Olimpico contro il Carpi può dargli la spinta giusta

2 commenti

Come vi abbiamo presentato ad inizio settimana, Daniele Baselli è il giocatore granata ad aver creato più occasioni da gol tra i granata: bene 38 le chance confezionate dall’ex orobico, che però deve trovare la continuità d’inizio anno nelle prestazioni per tornare ad essere incisivo come nella prima parte di stagione.

Domenica, a Torino, arriva il Carpi: un avversario che il classe ’92 non ha mia affrontato, avendo saltato la partita di andata per infortunio, e che quindi risulta essere una vera e propria novità per la giovane mezz’ala, decisamente in spolvero nelle ultime partite. Tuttavia, bisogna lasciare al ragazzo il tempo di esprimersi e di crescere in queste ultime giornate di campionato in assoluta tranquillità, senza pressioni di sorta: certo, non è impresa facile, visto l’impressionante impatto avuto dall’ex Atalanta sul mondo granata, ma occorre – per il bene suo e della squadra – lasciare che sia Ventura a spronarlo e valorizzarlo, senza forzare. Non dimentichiamoci, inoltre, che quella in corso è la sua prima vera stagione da protagonista in massima serie, dopo quelle da gregario tra le fila dell’Atalanta: normale e fisiologico, dunque, risulta il calo di Baselli degli ultimi tempi, ma le sue qualità personali unite ad un ambiente paziente ed amorevole possono ancora fare la differenza in questo Torino. Un’enorme differenza. I numeri parlano per lui, il Carpi lo aspetta, e Baselli aspetta il Carpi.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Zlobotan - 1 anno fa

    Poi, sarà un mio limite, ma sta cosa della serenità proprio non la capisco. Cos’è ha bisogno di un tutore di sostegno? di uno psicologo che gli dice che non c’è il mostro sotto al letto? Per dio, è un giocatore di serie A: le pressioni sono sacrosante. Anzi, i calciatori con la stoffa dimostrano il loro valore proprio nel momento di difficoltà. Quindi signori miei adesso basta con i timori e le paranoie, quelle lasciatele alle ragazzine adolescenti. Fuori le palle e pedalare!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Zlobotan - 1 anno fa

    Oh Baselli va per i 24. Basta chiamarlo gioiellino o “giovane”. E’ alle soglie della maturità quindi o si sveglia da qui a poco o rimarrà quello che è: un buon giocatore con alti e (per ora un pò troppi) bassi

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy