Torino, Belotti fa 50 e Cairo lo coccola: “Gol importante”. Ora la Nazionale

Torino, Belotti fa 50 e Cairo lo coccola: “Gol importante”. Ora la Nazionale

Focus On / Il Gallo rimette in campo la stessa grinta vista lo scorso anno, andando a recuperare una serie di palloni anche in difesa: il ritorno al gol fa bene a lui e al Toro

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Il Torino è caduto ancora, questa volta in casa contro la Fiorentina, arrivando così a quattro sconfitte consecutive, sintomo di un momento granata particolarmente negativo. Le colpe di questa “implosione granata” sono di tutti, dalla società in primis, passando per il tecnico Mazzarri per terminare ai giocatori e, in parte anche di Belotti. Il Gallo nel corso del primo tempo si adegua all’andamento dei propri compagni, lasciandosi scivolare 45 minuti addosso, continuando ad essere l’ombra di se stesso. Ma è anche vero che la reazione è arrivata nel secondo tempo, da lui per primo.

Torino FC v ACF Fiorentina - Serie A

GRINTA – Si è detto molto nel corso di questi mesi. Belotti ha fatto fatica a tornare al gol dopo due infortuni, e dopo il match contro l’Udinese si pensava che fosse tornato il “solito” Gallo. Ma invece no, dopo la gara contro i friulani è cominciato un altro periodo difficile anche per l’attaccante bergamasco, che non ha segnato per tre gare consecutive offrendo prestazioni in cui è parso la controfigura di sè stesso. Nella seconda frazione di Torino-Fiorentina, invece, si è rivisto, a tratti, il giocatore dello scorso anno. Nel momento di sbando maggiore, il capitano ha fatto qualcosa di degno della fascia che porta. Anche il presidente Cairo ha sottolineato questo particolare, unico sprazzo di luce in un pomeriggio da incubo: “Belotti? Il ritorno al gol è importante, oggi ha fatto anche un paio di recuperi come sa fare lui”. 

LEGGI – Torino-Fiorentina 1-2, Cairo: “Perso male. Adesso valutiamo”

GOL – Il Toro ha bisogno di Belotti, è noto. Per questo, il presidente è il primo a sapere bene quanto sia importante che l’attaccante trovi la fiducia e lo spirito che l’anno scorso gli aveva permesso di sorprendere tutti. Anche se la rete non ha cambiato le sorti del match, il Gallo ha spezzato un altro digiuno, segnando anche un bel gol grazie al prezioso assist di Adem Ljajic. In più, la marcatura ha anche un valore simbolico: Belotti è finalmente arrivato a quota 50 reti in Serie A, un traguardo molto importante sia per il giocatore che per il Toro stesso. Il Gallo è contento del gol, anche se sa che non basta ancora: “Sono felice per il gol, fa sempre piacere segnare. Chiaramente, avrei preferito portare qualche punto a casa“.

NAZIONALE – Adesso una pausa. Il Gallo potrà smettere di pensare al Toro, e si ritufferà con il cuore e con le gambe rivolte alla Nazionale: Di Biagio lo ha infatti convocato per le tre amichevoli in programma, e l’attaccante potrà così dedicarsi all’Azzurro prima di tornare carico con il Torino. Al suo ritorno con la maglia dall’Italia per la prima volta dall’amara eliminazione dai Mondiali di novembre, Belotti cercherà altre reti nelle amichevoli di lusso contro Inghilterra e Argentina, per ritemprarsi nello spirito e tornare al Toro, tra dieci giorni, con più fiducia. La squadra granata dovrà ripartire dal suo capitano per terminare onorevolmente la stagione.

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Granat....iere di Sardegna - 1 mese fa

    Letto…direi nudo e crudo…Solo che nella merda c è il Toro e non si vede via d uscita

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. FanfaronDeMandrogne - 1 mese fa

    …eh si, bracciamozze è in piena “azione marketing” per far tornare la valutazione del Gallo almeno a 50/70 milioni….ovviamente + Kalinc per chiudere con il Milan…!!! 😀

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Granat....iere di Sardegna - 1 mese fa

    Come ogni mercante che si rispetti non vuole che il suo prodotto si deprezzi…Altro giro altra plusvalenza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. prawn - 1 mese fa

    Leggetevi Mazzarri trasmette insicurezza, Cairo pensa solo ai soldi: Torino senza futuro basta cercarlo con google, ottimo articolo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ottobre1955 - 1 mese fa

    A leggere qua sotto fa pensare, è probabile che per l’anno prossimo preferiscono vedere al Comunale Big Torino Pellicori o Rubino. Mah, valli a capire!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ottobre1955 - 1 mese fa

    E si il prossimo centravanti del torino fc sarà Pellicori, oppure Rubino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-13658280 - 1 mese fa

    sono pienamente d’accordo, e secondo me l hanno capito anke cairo e company…sto giro se gli offrono un po di soldi magari x merito di qualke gol da qui alla fine vedi come lo vende di corsa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Scott - 1 mese fa

    E’ sempre lui, Erzebeth Scrooge intrappolato nell’involucro mangiagrissini da tribuna vip. Un gol del Gallo e la giornata si illumina. Magari 2/3 vittorie di qui alla fine e questa è la squadra a posto per l’Europa league. Una verticalizzazione riuscita per miracolo e valdifiori è meglio di Iniesta. Un cross azzeccato perchè preso di stinco e de silvestri emula Roberto Carlos.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. robert - 1 mese fa

    Mi viene da ridere !!!!!!!Ha fatto un gol con lo stinco.Voleva colpire la palla con il piede e buttarla alla destra del portiere e invece l’ha colpita male di stinco e l’ha buttata alla sinistra del portiere.Ho proprio ragione,al posto dei piedi ha due mattoni.Tecnica 0.Non ho mai visto Belotti dribblare un avversario o fare una triangolazione con i compagni e andare a rete.Aspetta solo che gli arrivi il pallone sul naso e allora riesce alla belle e meglio a calciare in porta.Questo mi ricorda Balotelli……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio sala 68 - 1 mese fa

      Non ricordo un attaccante che corra per il campo a cercarsi la palla.. Poi sicuramente mi sbaglio.
      Come si è smarcato ieri dagli avversari per prendere la palla di Liajc a me è piaciuto.. Poi sicuramente mi sbaglio

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy