Benassi, l’arma in più del Torino

Benassi, l’arma in più del Torino

Torino-Sampdoria 5-1 / Il centrocampista scuola Inter sembra definitivamente sbocciato, che sia lui uno dei colpi di mercato?

L’errore di inesperienza nel derby poteva tagliare le gambe a parecchi ragazzi, invece Benassi, approfittando nel calendario che prevedeva la sosta natalizia ha lavorato duro per presentarsi al via del nuovo anno in una forma migliore.

Il morale è sicuramente più alto, il momento positivo di tutta la squadra aiuta sicuramente i giovani ad inserirsi, ma il Benassi sceso in campo in questo 2015 sembra un altro giocatore rispetto a quello visto nei suoi primi mesi in granata. L’anno scorso a Livorno era un giocatore dinamico, propositivo ed autorevole in mezzo al campo, a Torino ha fatto fatica all’inizio attirando critiche eccessive. Il suo essere poco personaggio fuori dal campo lo ha aiutato a rimanere concentrato sul suo lavoro ed i risultati si vedono. Per un centrocampista come lui, con le sue caratteristiche, trovare il gol può aiutare a sbloccarsi e così è stato. Dopo la rete di Cesena, Benassi ha trovato di colpo la fiducia che gli era mancata all’inizio di questa avventura a Torino. Il suo assist a Quagliarella in occasione del terzo gol del bomber campano di ieri contro la Sampdoria è la perfetta dimostrazione di quello che vuole il Toro da lui e di quello che lui può dare al Toro. Portare palla per una trentina di metri e servire efficacemente gli attaccanti è un’azione che raramente ha visto protagonista i centrocampisti del Toro in questa stagione, Benassi è riuscito a spezzare la partita servendo a Quagliarella l’assist per chiudere definitivamente la contesa.

A centrocampo va anche fatto il lavoro sporco, Benassi ieri lo ha fatto egregiamente. Il Toro ha trovato, anzi ritrovato, un ottimo prospetto per il centrocampo, ma che può già dire la sua in questo presente. Un Benassi così è esattamente quello che serviva al Toro

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy