Torino, Benassi voto 6: tanti stop frenano la maturazione definitiva

Torino, Benassi voto 6: tanti stop frenano la maturazione definitiva

Il Pagellone di Natale di TN / Le prestazioni del centrocampista assumono sempre più spessore; per il 2016 l’obiettivo è la consacrazione

1 Commento
benassi

Per valutare le prestazioni di Benassi nel complesso della prima parte di stagione, bisogna tenere presente un dato non indifferente: il ragazzo è del 1994. Non proprio un dettaglio, in un calcio – soprattutto italiano – in cui a 25 si è ancora “giovane di belle speranze” e in cui i giovani, quelli veri, fanno una fatica enorme ad emergere. Benassi, invece, dall’anno scorso (dunque da quando aveva 20 anni) si è conquistato un posto di primo piano all’interno di una squadra da medio classifica di Serie A: il Torino. Niente male.

Raramente i giudizi di Benassi sono stati tarati sulla sua età, o, perlomeno, sono stati adattati alle opinioni che si danno a giocatori suoi coetanei. Dal centrocampista modenese ci si è sempre attesi qualcosa di più che dagli altri, prima e dopo – soprattutto dopo – l’ingente spesa cui la società granata ha dovuto far fronte per riscattare la metà del cartellino di proprietà dell’Inter. Un investimento notevole, che la mezzala ex Livorno sta cercando di onorare al meglio. Purtroppo per lui, troppe volte Benassi non è riuscito ad allenarsi con continuità, fermato da vari acciacchi che ne hanno impedito la maturazione definitiva.

Benassi esulta dopo il gol realizzato contro il Palermo
Benassi esulta dopo il gol realizzato contro il Palermo

Il livello complessivo del suo gioco, ad ogni modo, si è notevolmente alzato dalla scorsa stagione: sono stati limitati i cali di tensione, vero tendine d’Achille della scorsa stagione, quando il centrocampista sembrava sparire dal campo. La freddezza nei momenti topici del match sta migliorando, anche se davanti alla porta sembra ancora che le gambe tremino più del dovuto: una pecca su cui Benassi dovrà lavorare, ma che è già stata ripagata, almeno in parte, dal gol capolavoro contro il Palermo. Se il 2016 dovesse concedergli più fortuna sul punto di vista fisico, allora si creerebbero tutte le condizioni per l’esplosione definitiva.

Campionato Coppa Italia
Presenze 13 1
Gol 1 1
Minuti giocati 645′ 90′
Ammonizioni 2 0
Espulsioni 0 0
VOTO : 6

LE ALTRE PAGELLE:

CAIRO 9

PETRACHI 7.5

VENTURA 6

PADELLI 5.5

ICHAZO 6

BOVO 6.5

MOLINARO 6.5

MORETTI 6

ZAPPACOSTA 6

GASTON SILVA 6

AVELAR 6

JANSSON 6

GLIK 6

GAZZI 5.5

ACQUAH 6.5

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Granata71 - 2 anni fa

    Più che di esplosione….parlerei di implosione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy