Torino-Benevento, tra Sirigu e Belec è sfida di certezze: da confermare o ritrovare

Torino-Benevento, tra Sirigu e Belec è sfida di certezze: da confermare o ritrovare

Testa a testa / Il duello a distanza tra i pali mette di fronte due valori aggiunti per le rispettive formazioni: ma finora, il rendimento è opposto…

di Redazione Toro News

Manca sempre meno al fischio d’inizio della gara che vedrà il Toro ospitare al Grande Torino il Benevento. Grandi attenzioni saranno rivolte a Salvatore Sirigu e Vid Belec, sui quali i due allenatori faranno affidamento per mantenere inviolate le rispettive porte. Nella partita dì andata fu grande protagonista il numero 39 granata che, con una serie di grandi interventi, mantenne in partita il Toro consentendogli poi di trovare la vittoria al 93’ grazie ad una rete di Iago Falqué. La partita contro le Streghe fu solo la prima di una lunga serie di incontri in cui l’estremo difensore si è rivelato salvatore non solo di nome, ma anche di fatto.

Non ha avuto la stessa fortuna il numero uno sannita, che ha raccolto fino ad ora solamente dodici presenze in campionato. Per nove partite gli è stato infatti preferito Alberto Brignoli, grande protagonista del primo e storico punto conquistato contro il Milan. Di Belec non avranno un buon ricordo i tifosi del Toro: fu proprio lui, due stagioni fa, a neutralizzare un rigore di Maxi Lopez nella gara che ha visto i granata pareggiare zero a zero contro il Carpi al Grande Torino.

Limitandosi dunque ad un bilancio del girone d’andata, si può esprimere un giudizio più che positivo sul Salvatore granata, mentre è stato troppo altalenante il rendimento del portiere sannita. Oggi, comunque, Mazzarri e De Zerbi punteranno su di loro: Sirigu è chiamato a confermarsi ad alti livelli, da Belec ci si aspetta invece il salto di qualità.

Alberto Giulini

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ottobre1955 - 4 mesi fa

    E’ incredibile come il Torino riesca ad assicurarsi un portiere come Sirigu e un centrale come N’Koulu, avere un bilancio in attivo e una squadra che dopo 20 partite dimostra di avere bisogno di un paio di aggiustamenti e non fare niente.
    Un peccato perchè per quello che ho capito i tifosi del toro non abbandoneranno mai la squadra si arrabbiano, non vanno allo stadio ma con un paio di vittorie sono nuovamente euforici e presenti. E’ un vero peccato.
    Per oggi vale un solo risultato vittoria!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy