Torino, Bill Lievesley in Sisport: “L’incidente del ’49, come una bomba”

Torino, Bill Lievesley in Sisport: “L’incidente del ’49, come una bomba”

Il figlio dell’allenatore degli Invincibili è andato al centro sportivo dei granata per fare visita a Glik e compagni: “Gioco a squash, vado in bici, nel calcio italiano seguo i granata”

1 Commento
Bill Lievesley

Per il Torino, la giornata di ieri è stata sicuramente ricca di grandi emozioni. Al centro Sisport, in mattinata, è arrivata una visita speciale per Glik e compagni: Bill Lievesley, figlio dell’allenatore del Grande Torino deceduto il 4 maggio del 1949 nella tragedia di Superga. Al canale ufficiale del club granata ha rilasciato le seguenti parole: “Sono molto contento di essere qui. Mi sento molto felice di essere considerato così da voi e anche di questa intervista. Nel 1949 andavo nella scuola d’italiano e stavo anche andando molto bene, ero molto felice di come andavano le cose e vedevo dinanzi a me un futuro sempre più brillante. Questo incidente è stato come una bomba e poi c’ho messo molto tempo per comprendere bene quello che era successo. Non sono venuto mai prima in visita a Superga, poi, alla ricorrenza dei 60 anni, ho pensato che fosse il momento giusto, perché non ero più giovane e sarebbe potuto essere l’ultima occasione e volevo vedere la lapide col nome di mio padre e degli altri caduti. Nel 2009 ero in un albergo vicino il Po, potevo vedere la basilica ma non sapevo come potevo arrivarci e così ho deciso di arrivare su a piedi. L’ho fatto il giorno prima come prova e poi, visto che era andata bene, l’ho rifatta di nuovo il giorno della cerimonia, sempre andata e ritorno a piedi. Io non sono un tifo appassionato di calcio, seguo più altri sport, gioco a squash, vado in bici, ma se vedo qualcosa sul calcio italiano e soprattutto sul Toro allora lo seguo. Però non vado a cercare a notizie, seguo l’andamento del Toro, ma un po’ da distante”.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. vezzefrem - 9 mesi fa

    salute a tutti . se qualcuno ha la possibilita , per cortesia porga i miei saluti a Bill , e chieda se ricorda in quel 1949 , un ragazzino con cui giocava nella sua casa di via moretta 11 , , con ub piccola Ferrari rossa , a farla correre per tutto il corridoio . e proprio nel pomeriggio del 4 maggio . ringrazio anticipatamente , ma sono ricordi ” cari ” di gioventu

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy