Torino-Bologna 5-1, partita agevole e Rocchi se la cava

Torino-Bologna 5-1, partita agevole e Rocchi se la cava

La moviola di TN / Bene l’arbitro di Firenze, la partita scivola via: giusto il rigore su Belotti

Rocchi, moviola

Una partita che non ha mai dato adito a tensioni o polemiche, un match scivolato via privo di quella scia di malcontento che spesso accompagna i match di Serie A: Torino-Bologna si chiude 5-1 e con una prestazione positiva da parte del sestetto arbitrale chiamato a dirigere l’incontro, guidato dall’esperto Rocchi di Firenze.

Il fischietto di Firenze ha gestito assai bene una partita facile, in cui le poche ammonizioni non sono mai state contestate dalle parti e i cui episodi chiave non hanno permesso dubbi di sorta. Giusti i cartellini gialli, tra cui quello di Bovo – l’unico granata: necessario intervenire per il difensore romano sulla ripartenza a centrocampo della squadra di Donadoni dopo una palla persa da Vives. Alle sue spalle c’era una prateria, sanzione meritata e inevitabile. Nulla da eccepire anche sul rigore: Belotti finta con i piedi e, rientrando un paio di volte, fa ammattire Pulgar, che commette l’ingenuità di atterrarlo proprio mentre il Gallo sta rientrando spalle alla porta, uscendo dall’area di rigore.

Il tocco è netto, visibile anche dal chiaro anello. Le deboli proteste felsinee appaiono quasi un vacuo rito per una decisione pulita e lineare: bravo Belotti ad aspettare il momento giusto e a giostrare il pallone pochi metri dentro l’area di rigore, inducendo l’avversario al fallo. L’attaccante di Calcinate calcerà poi su Mirante il secondo penalty stagionale, dopo l’errore maturato contro il Milan, ma questa è un’altra storia.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy