Torino-Bologna 5-1, tra Mihajlovic e Donadoni non c’è partita

Torino-Bologna 5-1, tra Mihajlovic e Donadoni non c’è partita

Il testa a testa tra le panchine / Felsinei arrivati alla partita scarichi, i granata mettono grinta su ogni pallone

8 commenti

Era stato il punto fermo da mantenere dopo la sconfitta di San Siro contro il Milan, e la promessa è stata mantenuta: il carattere, ancora una volta, è stato il tratto distintivo del Torino di Sinisa Mihajlovic, che lascia il Grande Torino con tre punti importanti soprattutto per la modalità con cui sono arrivati. Lotta, pressing e voglia di arrivare per primi su ogni pallone, queste le chiavi con cui i granata hanno aperto le porte di un Bologna arrivato scarico all’appuntamento piemontese.

E l’ammissione arriva proprio dall’allenatore rossoblù, Roberto Donadoni, che ammette: “Non siamo mai stati convinti, non abbiamo mai cercato le giocate di personalità”. Anche dal punto di vista tattico il match è stato a senso unico. L’uomo più pericoloso dei rossoblù, Mattia Destro, match winner della partita contro il Crotone, è rimasto chiuso nella stretta dei due centrali granata, mentre Verdi e Rizzo sugli esterni alti non hanno mai inciso. Per contro, il Bologna non è riuscito ad arginare soprattutto le discese di De Silvestri, autore di due assist, e Donadoni ha fallito nel tentativo di fermare Belotti, non riuscendo a trovare nessuna risorsa né individuale né di collettiva per arginare lo strapotere del centravanti granata.

FC Torino v Bologna FC - Serie A

Certo, per Mihajlovic non sono tutte rose e fiori: i granata dietro non sono ancora sigillati, e la retroguardia talvolta balla, ma la sterilità offensiva felsinea ha permesso di nascondere alcune pecche ancora presenti, e su cui il serbo potrà lavorare nella pausa per le Nazionali. Amalgamare la retroguardia rimane, al momento, l’obiettivo principe del Torino. Farlo con tre punti in saccoccia permette al gruppo e allo staff di lavorare con tutta un’altra prospettiva..

8 commenti

8 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. The Mtrxx - 11 mesi fa

    Bello vincere cosi’ col bologna, ricordiamo le partite con squadre ‘minori/inferiori’ vinte a stento o perse…

    Continua cosi’ Sinisa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. torino0405 - 11 mesi fa

    E pensare che certi luminari preferivano Donadoni a Sinisa…ahahaahah… continua così mister, il Popolo Granata è con Te!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gior_425 - 11 mesi fa

      E ricordo ai professoroni che insultavano Miha per aver “rimandato” Parigini, che in due giornate al chievo ha collezionato 4 minuti più recupero… Con questo spero riesca a diventare titolare e che torni alla base con un po’ più di esperienza per giocarsi un posto nel Toro, ma se al momento non trova spazio a verona come avrebbe potuto sperare di trovarlo da noi? FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. sysma_558 - 11 mesi fa

      Io sono uno di quei luminari e te lo confermo anche ora. Te invece sei uno di quelli che fa come le bandiere e gira a seconda di dove tire il vento. Oggi “vai avanti così mister” poi la prossima se le prendiamo voltagabbana! Il 5-1 pensi che sia figlio della forza del Toro o del fatto che il Bologna (per fortuna) non è nemmeno sceso in campo……vai avanti così bisogna dirlo al gallo non al mister.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Alberto Fava - 11 mesi fa

      Lascia perdere, tanto come vedi non mollano mai, ma va bene così.
      Tanto è una lotta senza speranza.
      Forza Toro e forza grande Mister!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Zlobotan - 11 mesi fa

    Ragazzi qualcuno sa dirmi il perché della mancata convocazione di Luckic e Guvstasson?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giancarlo_FVCG - 11 mesi fa

      Credo sia solo una questione di numeri: in panchina si possono portare al max. 12 giocatori, e quindi anche se li avesse convocati non avrebbero potuto scendere in campo (visto che il mister ha preferito puntare, come riserve di centrocampo, su Obi, Acquah e Tachtsidis). Fra i convocati, pur se non è sceso in campo, c’era invece Aramu, che probabilmente può coprire più ruoli (sia centrocampista che esterno di attacco) rispetto agli altri due e quindi, in caso di defezioni dell’ultimissimo secondo, dava più garanzie.
      Per lo meno, questo è quanto penso (la mia è solo un’ipotesi)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Zlobotan - 11 mesi fa

        Grazie, la mia era una domanda disinteressata. Poi certo, in me è forte la curiosità.. Soprattutto per luckic

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy