Torino, Bovo un’alternativa di lusso e quel gol sempre sfiorato

Torino, Bovo un’alternativa di lusso e quel gol sempre sfiorato

Focus on/ Il centrale romano sostituisce benissimo Maksimovic: esempio di una difesa che ormai gioca a memoria

Commenta per primo!

Nella grande vittoria di ieri del Torino contro il Napoli è tornato ad essere protagonista anche Cesare Bovo dopo qualche partita di assenza

GRANDE RIENTRO – Dopo aver assistito dalla panchina alla doppia sfida europea contro l’Athletic Bilbao domenica sera Cesare Bovo è tornato in campo per puntellare la difesa granata, sostituendo l’ottimo Maksimovic di questo periodo. L’importanza di questa partita per il difensore ex Genoa è data non solo dalla forza dell’avversario ma anche dalla possibilità fornitagli dal mister di partire titolare in un match di cartello dopo una stagione in cui ha dovuto saltare molte partite per infortunio o scelta tecnica, grazie anche alla definitiva consacrazione di Maksimovic. Come spesso è capitato in stagione quando mister Ventura ha cambiato alcuni degli interpreti del trio difensivo, anche in questo caso chi ha giocato non ha fatto rimpiangere chi non c’era. Bovo ha arginato bene gli attacchi del forte reparto offensivo napoletano e con la sua tecnica è riuscito spesso a disimpegnare l’area uscendo con la palla al piede.

IL SOLITO GOL SFIORATO – Nel secondo tempo, quando già Glik aveva portato avanti i granata, ha sfiorato il raddoppio su punizione, venendo respinto solo da un ottimo intervento di Andujar. Una specie di piccola maledizione è quella che accompagna il centrale romano sui calci piazzati. Bovo infatti ha più volte dato la dimostrazione di avere un calcio molto potente, ma raramente ha trovato la gioia del gol, venendo respinto o dai legni della porta o da grandi interventi dei portieri avversari.

LA FORZA DELLA DIFESA – Come contro Sampdoria, Verona e Cagliari la sua prestazione è stata ampiamente sufficiente. Questo sottolinea ancora meglio la grande forza della difesa granata: chiunque giochi riesce sempre ad inserirsi negli schemi di Ventura riuscendo ad esprimere al meglio le proprie qualità (ne è un esempio anche l’ottima partita disputata da Jansson a Firenze). Per quanto riguarda Bovo la partita di ieri ha confermato come Ventura possa contare sempre anche su di lui, e chissà che con i tanti impegni che deve affrontare il Toro non ci sia per lui la possibilità di trovare spazio anche in Europa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy