Torino, oggi a Udine è caccia al 13!

Torino, oggi a Udine è caccia al 13!

Verso Udinese-Torino/ Al Friuli i granata vogliono prolungare una striscia che li avvicina ai migliori Torino di sempre

Commenta per primo!

C’era una volta la ‘caccia’ domenicale degli appassionati di pallone al 13 del totocalcio: si trattava di indovinare tutti i risultati (vittoria, pareggio o sconfitta) della cara vecchia schedina, decisamente più affascinante di tutte le scommesse odierne. Il Torino oggi può tornare ad usare quella vecchia espressione, ”caccia al tredici”; sì perché con un successo o un pareggio ad Udine i granata centrerebbero il tredicesimo risultato utile consecutivo. Un’impresa incredibile e difficile anche solo da ipotizzare ad inizio stagione ma che invece sta diventando realtà. O meglio, è già realtà, ma può diventare ancora più bella.

IMPRESA DA GRANDISSIMI – Per poter trovare dei termini di paragone bisogna tornare alla metà degli anni ’70, all’epoca dell’ultimo scudetto granata e delle sfide all’ultimo punto con la Juventus per assicurarsi il tricolore. già solo questo paragone dovrebbe fare capire la grandiosità dell’evento che stiamo raccontando e che tutti i tifosi granata stanno vivendo sulla propria pelle. D’altronde il Torino in queste ultime 12 partite, da quello sciagurato gol di Pirlo nel derby in poi, ha conquistato 6 vittorie e 6 pareggi, per una perfetta media di due punti a partita, il ‘minimo’ che di solito viene richiesto alle squadre che lottano per lo scudetto. Nel girone di ritorno i granata sono per ora primi, da soli. Hanno realizzato due punti in più persino della Juventus capolista. Cifre da far girare la testa.

L’ULTIMO SCUDETTO – Come detto per i paragoni bisogna scomodare il Toro di Radice: nell’anno dello scudetto i granata realizzarono una striscia di 15 partite senza perdere, dalla 2a alla 19a giornata: di fatto merà campionato senza sconfitte visto che all’epoca la Serie A era a 16 squadre. Il Toro perse con l’Inter e poi infilò altri 11 risultati utili di fila che lo portarono ad uno storico scudetto. Anche il campionato successivo cominciò con un ritmo simile: nella stagione 1976-77 il Torino non perse per le prime 17 partite: striscia da record in una singola stagione per i granata, e un’imbattibilità complessiva di 28 partite.

I MIGLIORI TORO DI SEMPRE – Facendo paragoni molto più attuali, il Torino dello scorso anno, quello della super coppia Cerci-Immobile, si era ‘fermato’ a 8 parttie senza conoscere la parola sconfitta, quasi un’inezia rispetto alla striscia attuale. Stesso discorso per il Toro ’91-’92, quello targato Mondonico che arrivò terzo in campionato e ad un passo dal successo in Coppa Uefa: lì le partite senza perdere in campionato furono 10, le ultime prima della fine del campionato; la striscia poi raggiunse quota 19 aggiungendo anche le prime 9 partite della stagione seguente. Insomma per trovare un paragone con i risultati attuali stiamo scomodando i migliori Toro di sempre, senza considerare ovviamente l’inavvicinabile Grande Torino. E questo è forse il successo più bello raggiunto da Ventura e dai suoi ragazzi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy