Torino-Cagliari, attenti a quei tre: Storari, Sau e Borriello

Torino-Cagliari, attenti a quei tre: Storari, Sau e Borriello

Verso il match / I maggiori pericoli dei granata saranno il portiere ex Juve, Sau e l’attaccante ex Milan

Sabato prossimo, il Torino, affronterà il Cagliari di Rastelli allo Stadio Grande Torino. Un’ipotetica vittoria sui sardi, potrebbe significare molto per i granata, i quali non vincono dalla trasferta di Palermo al Renzo Berbera. Un Cagliari che, dopo un primo periodo di assestamento, sta vivendo adesso un ottimo momento di forma:  Rastelli è reduce infatti da un’importante vittoria contro la squadra di De Zerbi per 2-1, match nel quale i sardi hanno ritrovato una figura importante come quella di Dessena, infortunatosi gravemente nella passata stagione e autore di una doppietta contro i siciliani.

CAGLIARI, ITALY - OCTOBER 31: Thiago Cionek (L) of Palermo and Marco Borriello of Cagliari battle for the ball during the Serie A match between Cagliari Calcio v US Citta di Palermo at Stadio Sant'Elia on October 31, 2016 in Cagliari, Italy.  (Photo by Tullio M. Puglia/Getty Images)
CAGLIARI, ITALY – OCTOBER 31: Thiago Cionek (L) of Palermo and Marco Borriello of Cagliari battle for the ball during the Serie A match between Cagliari Calcio v US Citta di Palermo at Stadio Sant’Elia on October 31, 2016 in Cagliari, Italy. (Photo by Tullio M. Puglia/Getty Images)

Gli uomini più pericolosi di questo Cagliari sono Marco Sau, Storari e Borriello. Il primo, in Sardegna dal 2011, ha seguito i rossoblù anche in Serie B, proprio come un soldato fedele alla propria causa: quella del “Casteddu”. Un bottino, il suo, molto ricco in maglia sarda: 133 presenze, 41 reti e ben 20 assist. Un giocatore tuttofare, molto bravo anche in fase difensiva, che corre molto –  8,962 km in questa stagione – e che ha avuto, sin qui, ben 8 occasioni da gol. Sono 2 le reti che ha segnato Sau in questo campionato: la prima, molto pesante, contro la Roma – match terminato per 2-2 -, la seconda, invece, contro il Crotone. L’attaccante di Sorgono è di certo uno dei giocatori più pericolosi di questo Cagliari, che ha già fatto male al Toro in passato: era infatti il 24 febbraio del 2013 quando Sau ha siglato la rete del vantaggio sardo sui granata dal dischetto, partita poi vinta dal Cagliari per 4-3.

Marco Storari, invece, è sbarcato nelle coste sarde nell’estate del 2015, avviandosi ad un campionato di Serie B, poi conquistato senza molte fatiche. Uno dei pionieri di questa promozione: un estremo difensore pieno di esperienza – un classe ’77 – e discretamente forte dal punto di vista atletico, portiere dunque solido per una realtà come quella sarda. Non è un numero uno che possiede di certo una delle migliori difese, ma, grazie ai suoi interventi prodigiosi, spesso, è stato di grande ausilio al collettivo guidato da Rastelli. Esperienza e carisma, accompagnate da un forte senso del dovere e del lavoro: queste le caratteristiche del leader dei rossoblù.

Il neo acquisto – del tutto azzeccato – è invece Marco Borriello. Arrivato a Cagliari nell’ultima sessione di mercato, con un contratto fino al giugno 2017. Fin qui, è stato il vero trascinatore, dal punto di vista dei gol, dei sardi: 5 reti in 11 presenze, un ricco bottino che ha portato il Cagliari in una posizione molto agiata in classifica. Sarà lui il vero problema della difesa granata: forte fisicamente e molto abile nelle palle aeree, problema che fa soffrire molto la retroguardia granata (leggi qui). Il Torino di Mihajlovic dovrà dunque tenere sott’occhio questi tre giocatori, i quali potranno essere decisivi nella gara di sabato alla Stadio Grande Torino

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy