Torino, Cairo: “Var? Purtroppo ci sono ancora errori e questo dispiace”

Torino, Cairo: “Var? Purtroppo ci sono ancora errori e questo dispiace”

Il patron granata è intervenuto a margine del premio “Il Bello del calcio”: “Var? Si può migliorare…”

di Redazione Toro News

Torino, Var e non solo. Urbano Cairo ha parlato così a margine del premio “Il Bello del calcio”, riconoscimento in memoria di Giacinto Facchetti e organizzato dalla Gazzetta dello Sport e dalla Fondazione Candido Cannavò: “Sulla Var mi sono espresso a inizio anno – ha dichiarato il numero uno granata in merito al rigore dubbio assegnato ieri alla Fiorentina – poi ho anche preferito a un certo punto fare un passo indietro e non continuare a parlare, credo ci sia la volontà da parte della dirigenza arbitrale di sistemare le cose e mettere a punto dei correttivi per migliorare, poi purtroppo errori ce ne sono e questo dispiace“.

Toro, parla Cairo: “Millico? Ha un gran potenziale, prenda esempio da Moretti”

Poi uno sguardo anche al suo Torino, fresco vincitore contro l’Atalanta e lanciato verso le prossime tre partite contro Chievo, Frosinone e Bologna: “Sicuramente il calendario sarebbe agevole – ha detto Cairo ai media presenti – ma per noi è molto importante sapere che proprio i calendari che sembrano agevoli sono quelli più difficili. Abbiamo fatto bene in queste prime sei partite in cui abbiamo incontrato quattro squadroni come Roma, Inter, Napoli e Atalanta. Adesso però quando incontreremo squadre che hanno meno punti dobbiamo mantenere quel tipo di concentrazione e intensità che ho visto con l’Atalanta. È sempre importante avere grandissima determinazione e non sottovalutare l’avversario, in questo campionato non puoi farlo con nessuno”.

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Seagull'59 - 3 mesi fa

    VAR è un ulteriore strumento di polemica, utilizzato da personaggi di parte anziché neutrali, che snatura il calcio: sia per i tempi che richiede, sia perchè non considera velocità e dinamica del gioco.
    DA ELIMINARE, insieme alla moviola, mentre bisogna insistere sulla preparazione e professionalità dei 4 arbitri in campo.
    Se ne sono già viste troppe e di tutti i tipi per concedere alla tecnologia altro tempo, quando invece tempo non c’è!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. iard68 - 3 mesi fa

      NON sono d’accordo. DA ELIMINARE sarebbero gli arbitri e qualsivoglia umana interpretazione, fallace in quanto umana e più che oggettivamente corruttibile… La VAR è un ottimo strumento, si tratta solo di definire un protocollo ragionevole e applicarlo senza sconti, senza ma, senza eccezioni, per tutti nello stesso modo. Il mano in area è rigore? Bene, sempre. Da un metro è involontario? Bene, sempre. La spinta in area è rigore oppure vale appoggiarsi sul difensore… si sceglie una via e la si applica!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Seagull'59 - 3 mesi fa

        Convieni che quello che si dovrebbe definire, regolamentare, è un lavoro immane e che non troverà Mai tutti d’accordo?
        E allora eliminiamo la fonte di tutte le polemiche… non ne vale la pena e chi ci rimetterà sempre è il Football!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ProfondoGranata - 3 mesi fa

    La var è uno strumento che serve all’arbitro per rivedere una azione che non ha, nella velocità del gioco, visto bene o interamente. Lo strumento in sé non né utile né inutile perché dipende dall’uso che se ne fa.
    Se l’arbitro non la utilizza o la utilizza male il problema non è risolto. La colpa o l’errore sarà sempre dell’arbitro.
    Si tratta di un supporto tecnologico alle decisioni arbitrali che in quanto tali dipendono dall’arbitro.
    Se gli arbitri non sanno arbitrare la var non li può aiutare più di tanto: nel monitor non appare la decisione giusta. Quella deve saperla produrre l’arbitro sulla base delle immagini che vede che deve saper interpretare.
    Quindi, se l’arbitro manca di esperienza. Se manca di professionalità. Se manca di umiltà per ammettere le sue lacune. O peggio, se non è in buona fede, per orgoglio o peggio ancora in quanto fazioso, beh allora non ne usciremo mai, neppure con mille chiamate da parte dei tecnici, perché sarà sempre l’arbitro a decidere.
    Quello che serve è una commissione che esamini le decisioni arbitrali prese nel post partita e che in caso di errori (come quello di dare un rigore inesistente alla Viola l’altra sera) intervenga per riassegnare a tavolino il corretto risultato. Le squadre devono in buona sostanza ottenere giustizia a fronte di un torto acclamato e l’arbitro che ha sbagliato deve venire diffidato e sanzionato economicamente, esattamente come accade ai giocatore agli allenatori che si macchiano di condotta antisportiva.
    A quel punto vedrete che non servirà assegnare le chiamate agli allenatori. Saranno gli arbitri stessi ad utilizzare di più la tecnologia per non commettere errori.
    Il problema si risolve da solo se punisci chi sbaglia.
    Oggi gli arbitri che sbagliano restano impuniti.
    Ovvio che l’errore umano c’è e ci sarà sempre. Ma un conto è sbagliare e un altro e prendere una cantonata pazzesca e danneggiare una squadra come ieri l’inter.
    La commissione valuterà l’errore ed interverrà.
    Nel caso di ieri sera, ad esempio, annullando il rigore concesso e modificando a tavolino l’esito della partita e riassegnando correttamente i punti in classifica.
    Minimo intervento, massimo risultato.
    Tutti contenti. Tranne chi da questa manovra perde potere…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. tric - 3 mesi fa

    Adesso Marotta comincia a capire cosa significa non essere gobbi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Paul67 - 3 mesi fa

    Il problema nn è il VAR ma gl’arbitri italiani che sono di un livello basso oltre che zerbini di poche squadre, nn è assolutamente vero che sono i migliori del mondo, ne abbiamo 2/3 bravi e lo dimostrano soprattutto quando arbitrano fuori dall’Italia.L’ Aia dovrebbe essere un entità autonoma, tipo magistratura, e puntare al professionismo, al contrario è un organo che dipende dalla LEGA Afosse almeno della FIGC, con sponsor del gruppo Fiat,

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. granatadellabassa - 3 mesi fa

    Quello che però è successo ieri sera a Firenze sfugge ad ogni logica. Come ha fatto Abisso a dare quel rigore dopo aver visto e rivisto l’episodio al monitor? Scandaloso!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. granatadellabassa - 3 mesi fa

    Il problema fin qui riscontrato con la VAR riguarda il quando utilizzare tale strumento. Quante volte qualcuno ne ha lamentato il mancato utilizzo o ne ha lamentato l’utilizzo solo a sfavore? Forse si dovrebbe consentire una chiamata a squadra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-13973712 - 3 mesi fa

    Secondo me per limitare la palese malafede basterebbe fare come nel tennis: 2 o massimo 3 consultazioni var a richiesta della squadra e non a discrezione dell’arbitro. Penso ad esempio al derby dove l’arbitro ha ignorato spudoratamente due possibili rigori. Ma sono sicuro che la casta non consentirà

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Fabio - 3 mesi fa

    E’ un problema irrisolvibile. Ogni errore si può correggere o, al limite, pure accettare ma, poichè si tratta solo ed esclusivamente di malafede non può esserci alcuna soluzione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. giova85 - 3 mesi fa

    concordo, è scandaloso!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. eurotoro - 3 mesi fa

    grande presidente..ho apprezzato molto quest’anno finalmente ci siamo fatti sentire con gli arbitri…in questo calcio moderno con ritmi piu veloci gli arbitri andavano aiutati e come vediamo con pure la var si possono sbagliare le decisioni..penso che ancora x quest’anno siamo in rodaggio con la var..ma pian piano diventeranno sempre piu veloci con le immagini ed a giudicarle..gli errori dovrebbero diminuire sempre piu anno dopo anno..certo che io reintrodurrei la luce nel fuorigioco…mi sembra ridicolo fermare l’azione x 1 cm.di piede piu’ avanti dell’avversario

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Ardi - 3 mesi fa

    La Fiorentina quest’anno è veramente tanto aiutata, a volte in modo grottesco

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy