Torino, Cairo tornato nel mirino della Maratona: cori e striscioni di contestazione

Torino, Cairo tornato nel mirino della Maratona: cori e striscioni di contestazione

Torino – Milan 1-1 / “Il tempo è scaduto”, dice il pubblico granata: come risponderà il presidente?

I promessi acquisti entro il 10 gennaio non sono arrivati e la squadra di Ventura ha dovuto affrontare i match contro Chievo e Milan in condizioni precarie. Ciò si aggiunge a un calciomercato estivo in cui di fatto sono mancati gli investimenti veri e propri. La cosa non è passata inosservata agli occhi della Curva Maratona, che durante Torino-Milan per la prima volta dopo parecchio tempo si è mostrata spazientita verso il presidente Urbano Cairo.

Fin dai primi secondi del match si sono sentiti cori ostili verso l’attuale immobilismo sul mercato del Torino, che sono continuati per tutta la partita e che si sentivano chiari e forti. Non provenivano da uno sparuto gruppo di ultrà ma da tutta la curva Maratona. A far da cornice, lo striscione secondo cui “il tempo è scaduto”, dai neanche tanto vaghi toni minacciosi.

Insomma, il pubblico granata, se non ha mai smesso di sostenere la squadra di Ventura (che del resto ha prodotto ogni sforzo per raddrizzare la partita), è tornato, dopo parecchio tempo, a mostrarsi apertamente ostile contro la presidenza granata. Quale sarà la risposta dell’editore alessandrino? Lo sapremo da qui al 2 febbraio, giorno di chiusura della sessione invernale di calciomercato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy