Carlo Nesti: “Valdifiori l’innesto più importante. Hart? Il Toro è tornato in auge”

Carlo Nesti: “Valdifiori l’innesto più importante. Hart? Il Toro è tornato in auge”

Esclusiva TN / Il giornalista ai nostri microfoni: “Difesa punto debole, ma è normale dopo la rivoluzione tattica. I granata devono essere bravi a mantenere la concentrazione”

In vista della sfida contro l’Atalanta, abbiamo intervistato il collega giornalista Carlo Nesti, per sapere la sua sul mercato granata, e sul presente del Torino.

Cosa pensa del mercato del Toro?

E’ stato un mercato sicuramente positivo. Il “colpo” è rappresentato da quel tridente che in questo momento – per 2/3 – è fuori causa: tanta sfortuna, come l’anno scorso ci troviamo davanti d una serie di sfrontati “incidenti”.

Dovendo scegliere un giocatore, chi pensa che possa far fare il salto di qualità ai granata?

Ho sperato per tutto il mercato che arrivasse Valdifiori, e penso che lui possa essere il valore aggiunto, tatticamente. E’ uno dei migliori registi italiani, un ruolo che manca da tanto a Torino.

E su Hart? L’ha colpita questa operazione? Di chi sono i meriti secondo lei?

Ha colpito tutti: si sono create le condizioni adatte per il suo arrivo, e questo succede perché Cairo non è uno qualunque, ma un imprenditore importante: il suo appeal è cresciuto di pari passo col Toro, 10 anni fa non era così. Questo nell’invogliare i giocatori conta tantissimo. Cairo è un imprenditore vero e serio, è maturato nel corso degli anni: all’inizio giocava con “le figurine”, poi si è assestato con Petrachi e Ventura, e con giocatori di proprietà…

La difesa è probabilmente il reparto sulla carta più debole. E’ d’accordo?

Si sono d’accordo, ed è proprio per questo che sono contento di Hart. Per Padelli si tratta di chiarire ancora se certi periodi potranno essere superabili in futuro o no, ma una concorrenza fortissima ci voleva. La difesa è un reparto rivoluzionato tatticamente: capisco le difficoltà avute col Milan, perché molti difensori sono arrivati gli ultimi giorni, e quelli che sono rimasti era abituati a direttive diverse.

Passiamo all’Atalanta: come vede la sfida contro gli orobici?

Contro l’Atalanta spero che non si verifichi quello che  è capitato l’anno scorso, dopo le prime giornate: non bisogna farsi trascinare dal risultato positivo contro il Bologna, ma occorre mantenere la concentrazione. Nel reparto offensivo si è concentrata tantissima sfortuna, ma ci sono sostituti pronti e scalpitanti: Maxi Lopez, Boyé e Iago sono pronti a dire la loro.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. giancator - 1 anno fa

    Qualcuno dica a Mondonico che finalmente è arrivato “il campione”!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Rombo - 1 anno fa

    Spero che Valdifiori si riveli importantissimo per il Toro !
    Ma dopo anni, dico anni! che si gioca SENZA PORTIERE credo
    che l’ innesto più importante sia il mitico HART !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy