Torino, chi punta alla Nazionale: Baselli spera, ma prima serve continuità

Torino, chi punta alla Nazionale: Baselli spera, ma prima serve continuità

Focus on / Conquistare il Torino per conquistare la Nazionale: Mancini lo osserva

di Nicolò Muggianu

Sognando l’azzurro. C’è anche Daniele Baselli tra gli osservati speciali di Roberto Mancini. Tanto talento, ma anche poca costanza di rendimento: il centrocampista granata ha tutte le potenzialità tecniche per puntare alla convocazione da parte del ct azzurro, ma prima gli servirà conquistare Mazzarri e il Torino.

PERCHÉ SÌ – Dopo lo stage azzurro del febbraio 2018 (già convocato da Ventura e poi confermato da Di Biagio), Baselli aspetta una chance anche da Mancini. Le qualità tecniche non si discutono, ma il centrocampista classe 1992 ha ancora tanto da dimostrare. Nonostante i due gol messi a segno fin ora in stagione, uno in Coppa Italia contro il Cosenza e uno nell’ultimo turno di campionato contro il Frosinone, l’ex Atalanta non è ancora riuscito ad esprimere tutto il suo potenziale. Le sue prestazioni però sono in crescita e Mancini lo osserva. Il “nuovo corso” azzurro è già iniziato e l’ex tecnico dell’Inter ha dimostrato di voler ripartire da giovani e “scommesse” per provare a ricostruire un ciclo vincente. Un esempio? La convocazione di Lasagna – il quarantaseiesimo giocatore diverso chiamato dal tecnico marchigiano nella sua gestione – al posto dell’infortunato Zaza.

Glik-Toro, certi amori non finiscono: il ritorno è più di un’ipotesi

PERCHÉ NO – Sperimentare sì, ma con merito. Se nelle ultime convocazioni per gli impegni di Nations League contro Portogallo e Polonia, Mancini aveva convocato diverse “sorprese” tra i centrocampisti (Zaniolo su tutti), è altrettanto vero a Baselli non basterà quanto fatto vedere fin ora per conquistare l’azzurro. Oltre Barella e Pellegrini (tra i più positivi nelle rispettive squadre di club come prestazioni individuali), l’attuale roster del centrocampo azzurro è rappresentato da giocatori con esperienza internazionale e grande leadership. Caratteristiche che, almeno per il momento, Baselli non possiede. Ma che potrebbe acquisire con il corso della stagione. Mazzarri si aspetta molto da lui e sta lavorando quotidianamente in questo senso per provare a tirar fuori tutto il talento che già Ventura e Mihajlovic prima di lui hanno provato ad estrapolare. A Baselli la risposta, con la consapevolezza di essere sempre in discussione, al Torino prima ancora che con la Nazionale.

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. alètoro - 2 mesi fa

    Attualmente Baselli non ha nessuna chanche di inserimento nella Nazionale azzurra in quanto la discontinuità di rendimento è cronica.
    Nel TORO stesso egli non detiene più un posto fisso tra i titolari.
    Personalmente ritengo che Soriano è tecnicamente più forte e lo stesso Lukic è in crescita al punto tale che è in grado di superarlo nelle gerarchie di Mister Mazzarri. La mediana è costituita dagli inamovibili titolari Rincon e Meitè.
    La sua reazione polemica, soffocata dal compagno Zaza, senza nessuna esultanza, in seguito alla rete personale del raddoppio contro il Frosinone non è assolutamente piaciuta né al sottoscritto né a gran parte dei tifosi granata.
    In questo modo Baselli ha dimostrato profonda immaturità non essendo minimamente dotato di autocritica personale nell’analisi delle sue prestazioni individuali, in considerazione del fatto che quella in corso è la terza stagione con la maglia granata.
    La sostanziale mediocrità globale mostrata sino ad oggi non gli permette di essere un titolare in questo TORO, e quindi ritengo che attualmente un eventuale sogno azzurro per lui è assoluta utopia.
    Evidentemente l’importante rinnovo contrattuale certificato dalla Società nel 2016 gli ha fatto l’effetto opposto a quello auspicato della maturazione personale e professionale. Tuttavia è oggettivo che Baselli è giovane per completare questo lento processo di crescita professionale sotto l’aspetto tecnico-tattico e personale sotto l’aspetto caratteriale. Quindi auguri a lui in funzione esclusivamente dei successi del TORO. Alè TORO!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Agi - 2 mesi fa

    ? in nazio-cosa?
    purtroppo finchè non varrà almeno 25 milioni(cioè mai) lo avremo sempre in mezzo alle pall…
    ops in mezzo al campo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-14036712 - 2 mesi fa

    Ceduti Niang, spero resti a Rennes, e Ljajic, Baselli è l’ultimo dei “discontinui” rimasto nella rosa del TORO. E’ un centrocampista dalla classe cristallina, ottimo tiro dalla distanza ed altri pregi, per cui se in qualche partita delude, per me resta importante… e spero lo sia anche per Mazzarri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Conterosso - 2 mesi fa

    @rogozin non potevi descriverlo meglio. Ahahahaha Complimenti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. rogozin - 2 mesi fa

      Grazie amico.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. rogozin - 2 mesi fa

    Baselli è da sempre incompiuto e mediocre. Perciò è continuo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13999097 - 2 mesi fa

    È ora che si dia una mossa .ai voglia a dire che è bravo tecnicamente niente da dire ma se non tira fuori gli attributi fuori dalle balle

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy