Torino-Chievo 1-1: i granata si complicano la vita

Torino-Chievo 1-1: i granata si complicano la vita

Intervallo all’Olimpico / Benassi sblocca la partita, Immobile manca il raddoppio e poi Peres infila la propria porta

Ventura sorprende ancora per quanto riguarda la formazione iniziale, con due ritorni eccellenti. La squalifica di Baselli e l’infortunio di Acquah inducono il tecnico a puntare dal primo minuto su Joel Obi per la prima volta dal 27 settembre: in mezzo, una serie di infortuni lunga quattro mesi. A sinistra torna Danilo Avelar, titolare per la prima volta addirittura dal 13 settembre, data di Verona-Torino. Davanti, confermatissima la coppia Immobile-Belotti. Maran invece, che deve fare a meno di Riccardo Meggiorini, Hetemaj, Pepe e Izco, punta su Birsa a ispirare M’poku e Inglese. (Qui le formazioni ufficiali).

Sotto la pioggia di Torino, il primo squillo è del rientrante Bruno Peres al 6’: il brasiliano entra in area da destra e tira in porta, ma Seculin è ben piazzato e respinge. Al 15’ Benassi prova la specialità della casa, il destro da fuori: tiro sotto la traversa ma centrale, e Seculin alza in corner senza troppe difficoltà. L’appuntamento con il goal è solo rinviato di tre minuti: al 18’ Immobile, esattamente come a Genova tre giorni fa, fugge a sinistra e mette dentro un cioccolatino che l’accorrente Benassi deve solo scartare: destro a botta sicura e 1-0 a favore dei granata.

Il mediano di Ventura ci riprova qualche minuto dopo: un destro un po’ egoista che finisce fuori. Il Torino è padrone del campo e al 28’ c’è un’altra grande occasione: Belotti attacca la profondità e fa da sponda precisa per Immobile, che ha due volte sul sinistro la palla del raddoppio ma spreca tutto.

Alla mezzora squillo dell’ex Birsa: sinistro dal limite rasoterra che va fuori di poco. E’ il primo abbozzo di reazione dei clivensi. E al 33’ i granata si fanno sorprendere: Inglese al limite dell’area ha il tempo e il modo di produrre una bella imbucata per Castro, un Peres in ritardo cerca di deviare la palla in allungo ma finisce solo per infilzare Padelli regalando al Chievo il goal dell’1-1.

I granata accusano il colpo di vedere pareggiata una partita fin lì dominata. Il gioco e l’intensità ne risente, il calo è vistoso, dovuto al nervosismo. Rocchi (che sta usando il pugno duro: quattro cartellini gialli, tutti giusti) deve sedare sul finire del primo tempo un capannello originato da un fallo normalissimo e dopo tre minuti di recupero può mandare le squadre a bere un tè caldo. Il Torino ora dovrà ritrovare il bandolo della matassa di una partita che sembrava avere saldamente in mano.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Achille - 1 anno fa

    Se gli avversari non riescono a segnare ci pensiamo noi :-)

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy