Torino-Chievo, Castro e Birsa i pericoli del centrocampo clivense

Torino-Chievo, Castro e Birsa i pericoli del centrocampo clivense

Verso il match / Uno dei perni del centrocampo del Chievo è Lucas Castro, autore di 2 reti importanti

1 Commento
pagelle, Benassi

Quasi di certo, il reparto con più “quantità” del Chievo Verona è proprio la mediana, la quale vede come protagonisti giocatori del calibro di Lucas Castro, Izco e ancora Birsa, trequartista di fantasia che fa da collante tra il centrocampo e il reparto d’attacco. In vista della sfida di sabato dunque, Maran si è già apprestato alla corsa agli armamenti, al fine di bloccare l’avanzata granata, che non si fermerà dinanzi a nessun ostacolo, proponendo sempre un calcio offensivo, di qualità e pieno di grinta, anche grazie alla sua mediana (leggi qui).

AC Chievo Verona v SS Lazio - Serie A

Il giocatore di maggiore spicco nella mediana Clivense è proprio l’argentino Lucas Castro, scuola Racing  – club in cui ha allenato Il Cholo Simeone – e con un passato a Catania, club che, qualche tempo fa, era una vera e propria colonia albiceleste. Il classe ’89 di La Plata è anche uno dei più prolifici del centrocampo dei Mussi, con ben 2 reti all’attivo e due assist, realizzati in sole 12 presenze quest’anno. Quando è andato a segno l’argentino, il Chievo ha sempre vinto: la prima rete stagionale è stata siglata contro l’Udinese, squadra contro la quale i Clivensi hanno poi vinto per 2-1, mentre la seconda è stata fatta la giornata seguente, contro il Sassuolo, anche lì è arrivato al triplice fischio un bel 2-1. Reti dunque molto pesanti le sue, le quali non sono mai banali, anzi, tutt’altro: il Toro dovrà dunque vedersela contro la sua ferocia e contro i suoi possibili inserimenti letali. Altro membro della ex “colonia” argentina in quel di Catania è Mariano Izco, nato a Buenos Aires e cresciuto nelle giovanili del San Telmo, per poi consacrarsi definitivamente in Sicilia, dove è rimasto fino all’estate del 2014. Una delle bandiere invece della mediana è Perparim Hetemaj, in rosa dal lontano 2011 e di nazionale finlandese ma con chiare origini kosovare. Un buon minutaggio il suo in questa stagione: 990′, nei quali ha siglato anche un assist contro il Bologna Il giocatore più internazionale è invece Jonathan de Guzman, il numero uno della squadra – non dal punto di vista delle prestazioni bensì del numero di maglia -, olandese nato in Canada con un curriculum che vanta delle presenze in Premier – Swansea – e anche in Spagna, sponda Villareal.

Il giocatore più incisivo però è proprio un ex granata, ovvero Valter Birsa, trequartista dotato di un ottimo mancino che, sin qui, ha siglato ben tre reti e tre assist in dodici presenze. Cattivo e molto fisico, ma allo stesso tempo con molta qualità dal punto di vista tecnico: un giocatore completo dunque capace di far male a qualunque squadra. Sarà proprio lui dunque uno dei maggiori pericoli della retroguardia granata, il cui obbligo sarà quello di contrastare la qualità dello sloveno, al fine di neutralizzare la mediana Clievense.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. The Mtrxx - 2 settimane fa

    Sara’ dura, ma c’e’ solo un risultato utile: la vittoria

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy