Torino-Chievo, tenere alta la tensione: perché è ancora una sfida da non perdere

Torino-Chievo, tenere alta la tensione: perché è ancora una sfida da non perdere

Verso Torino-Chievo/ La matematica che non ha ancora condannato i granata, ma non solo: i giovani e il record di punti, sono tanti gli stimoli per domani

 

Domani all’Olimpico di Torino, scenderanno in campo due squadre il cui campionato sembra, a prima vista, apparentemente concluso. Da un lato ci sono gli uomini di Maran, che forti dei loro 42 punti in classifica hanno raggiunto una salvezza più che tranquilla e che non hanno più nulla da chiedere per il finale di stagione, dal momento che la matematica nega ai clivensi qualunque possibile piazzamento di maggior prestigio. Dall’altra ci sono gli uomini di Ventura, che dopo la disfatta di Genova hanno praticamente riposto nel cassetto i sogni europei, dal momento che manca solo la matematica a sancire questo risultato.

LA MATEMATICA E L’EUROPA – I motivi che rendono questa sfida ancora appetibile e tutt’altro che scontata, però, sono tanti. Appunto, manca ancora la matematica. Un’ultima spiaggia davvero disperata, certo, ma sognare ancora non nuoce e il tifoso granata lo sa bene. Se la matematica non dà ancora torto agli uomini di Ventura, si aggiunge il fatto che proprio il Genoa, a causa della mancata licenza Uefa, potrebbe essere un avversario temibile in meno da tenere in considerazione. La Sampdoria, sulla quale bisogna progettare la corsa, giocherà in casa contro la Lazio in una partita tutt’altro che scontata dove i biancocelesti cercheranno di fare bottino pieno dopo lo stop dei nerazzurri. Davvero pochissime le possibilità, ma i miracoli, nel calcio, non sono così rari.

GIOVANI E RECORD DI PUNTI – Certo, se le ultime deboli speranze di un ingresso europeo non sembrano essere abbastanza neppure per i più ottimisti, ecco allora i motivi per cui questa sfida è certamente da seguire fino in fondo. Innanzitutto, l’annunciato (da Ventura) spazio riservato ai giovani. Il Torino quest’anno ha posto solide basi per il futuro e in queste ultime giornate dovranno giocare coloro che più di tutti avranno il compito di stupire a partire dalla prossima stagione. Specialmente in difesa: senza dubbio ci si attende molto da Gaston Silva e Jansson, vedremo se saranno in grado di ritagliarsi un posto da leader. Infine, per i granata, vincendo le ultime sfide, c’è la possibilità di eguagliare il record di punti in Serie A sotto la guida di Ventura: 57. Questo avrebbe un forte significato simbolico, come a dire che nonostante le cessioni il Toro non è calato nel rendimento.

In attesa del calciomercato di quest’anno, quando si potrà capire se si alzerà o no la famosa asticella del livello tecnico, indispensabile per un Toro ancora protagonista in Europa

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy