Torino, con l’Atalanta l’ultima speranza: è una partita da dentro o fuori

Torino, con l’Atalanta l’ultima speranza: è una partita da dentro o fuori

I granata si giocano tutte le speranze di qualificazione in Europa in 90 minuti: è fondamentale vincere

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Ultimo appello: dopo le occasioni mancate con Chievo e Milan, il Toro non può più rimandare la questione Europa. Con l’Atalanta non centrare la vittoria vorrebbe dire addio a qualsiasi speranza. Al contrario una vittoria alzerebbe nettamente le quotazioni della truppa di Mazzarri e darebbe una spinta importantissima in termini di classifica ma soprattutto di motivazioni, che la squadra ha già dimostrato di avere negli ultimi tempi. I giocatori hanno detto esplicitamente di volerci credere fino a quando l’aritmetica lo consentirà. Per fare questo domenica c’è un’unica possibilità: il Torino non può che vincere.

ASSENZE – Il 5 è il numero chiave: il Torino si presenta alla partita più importante dell’anno con diverse defezioni. Il centrocampo è decimato e le assenze di Obi e Baselli possono pesare. Inoltre mancheranno anche De Silvestri, espulso contro il Milan, Barreca e Iago Falque per infortunio. Ben 5 assenze che costringeranno Mazzarri a cambiare molto proprio nel momento in cui il Toro aveva trovato molte certezze e 5 risultati utili consecutivi. L’Atalanta, inoltre, è una squadra difficile da affrontare che da due anni riesce a sorprendere in Serie A e in Europa, la partita sarà tutt’altro che una passeggiata.

CERTEZZE – I granata – assenze a parte – andranno a Bergamo nel momento in cui hanno finalmente acquisito consapevolezza sia del proprio valore che dei propri margini di miglioramento. La forza del gruppo e la reazione di mercoledì hanno incoraggiato l’ambiente e possono rendere meno pesanti le assenze dei singoli che, per quanto importanti, non sono necessari quanto l’impegno a livello morale più che tecnico per raggiungere un obiettivo che avrebbe il sapore dell’impresa. Una vittoria renderebbe quantomeno possibile quello che, dopo la sconfitta di Verona, sembrava un miracolo. La chance è quella di avvicinare l’Atalanta, che al momento occupa il settimo posto in classifica, a soli due punti di distanza, mentre nel frattempo la Sampdoria farà visita alla Lazio e la Fiorentina al Sassuolo. Ora il Toro si gioca tutto in 90′ e una sconfitta significherebbe non vacanze anticipate – resterebbero quattro giornate di campionato da onorare al meglio – ma, sostanzialmente, la parola fine a qualsiasi speranza di arrivare al settimo posto a fine campionato.

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13746076 - 4 mesi fa

    EL persa da tempo ormai. Però siamo il Toro, mai arrendersi prima di averla giocata…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. RobyRaby - 4 mesi fa

    penso che solo più voi giornalisti crediate alla EL. Di certo non i giocatori e la maggior parte dei tifosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. abatta68 - 4 mesi fa

    Pensiamo a giocare e a mettercela tutta, quello che viene viene… anche senza andare in EL queste partite servono per capire a che punto siamo, se esiste un gruppo, giovani di valore e intenti comuni. A gennaio Mazzarri ha iniziato a fare questo lavoro, cercando di portare anche una certa mentalità, oltre ad un nuovo modo di stare in campo… questo è quello che conta, perlomeno per questa stagione che stà per finire e, sinceramente, non vedo l’ora che finisca!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Bischero - 4 mesi fa

    Partita che per la classifica e gli obbiettivi non conta più nulla. A meno di miracoli siamo fuori. Ma non da mercoledì già da qualche mese.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. prawn - 4 mesi fa

    Dai che perdiamo almeno finalmente la smettete di crederci voi di TN, poi magari proviamo qualche giovane in piu’ visto che non c’e’ niente da perdere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. MM64BB - 4 mesi fa

    Credo che per quest’anno sarebbe deleterio andare in coppa
    Avremmo comunque un bel po di cambi da fare in estate e partiremmo con una squadra di molto nuova (credo che Almeno 1 fra Burdisso e Moretti sia cambiato, almeno 2 o 3 su 5 a centrocampo e probabilmente il centravanti)
    Si rischia una preparazione anticipata che porterebbe scompensi sul campionato
    Molto meglio rifondare e preparare lattacco alla EL per il 2019 (quando le pretendenti credo saranno anche di meno, leggi Samp, Viola, Dea)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. daunavitagranata51 - 4 mesi fa

    ancora EL, al TORO mancano ancora troppe cose, per essere competitivi, ok crederci sperarci non Costa niente, ma poi ?……….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Daniele abbiamo perso l'anima - 4 mesi fa

    La vedo dura vincere a Bergamo con tutte queste assenze, soprattutto a centrocampo e senza avere rincalzi dalla panchina.
    Ancora più dura andare in Europa, anche se vincessimo.
    Ma mi fa piacere che i giocatori ci credano.
    Stupiteci.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Tifoso da Malta - 4 mesi fa

    Contro l Atalanta serve Edera dal primo minuto. De Silvestri e squalificato. Contro l Atalanta l ultima speranza per l Europa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. user-13658217 - 4 mesi fa

    Domenica Vinciamo e andiamo in EUROPA!!!!!!!! FORZA TORO Ciao ROBBI.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy