Torino, con Ventura la sosta portava bene

Torino, con Ventura la sosta portava bene

Approfondimento / Negli scorsi anni Glik e compagni hanno quasi sempre saputo sfruttare la pausa. Con Mihajlovic solo un precedente che è coinciso con la sconfitta di Bergamo…

Inter-Torino

E’ passata anche questa seconda sosta per le Nazionali e lunedì il Torino scenderà nel terreno del Barbera per disputare il match contro il Palermo più carico che mai per puntare all’Europa, obbiettivo stagionale. Bisognerà sin da subito trovare tre punti per migliorare ulteriormente la situazione in classifica e confermare che le partite contro Roma e Fiorentina non sono state un fuoco di paglia. Prima della sosta i granata volavano ma adesso cosa succederà? Non possiamo saperlo di certo ma possiamo dare un’occhiata a cosa è successo nelle stagioni precedenti.

In questa stagione con Mihajlovic la pausa c’è stata dopo la strabiliante vittoria contro il Bologna per 5-1, il Torino poi è tornato in campo l’11 settembre contro l’Atalanta ma perdendo per 2-1 dopo essere passati in vantaggio con Iago Falque. In quel caso la pausa non ha certo fatto bene a Vives e compagni che, dopo una vittoria, collezionarono una sconfitta e due pareggi contro Pescara ed Empoli. Nella recente storia granata però il riposo a causa delle Nazionali ha fatto bene, infatti l’ultima sconfitta risaliva addirittura al  novembre 2014. La squadra di Ventura perse in casa contro il Sassuolo per una rete di Floro Flores allo scadere.

Nonostante la rivoluzione del mercato estivo, nella squadra di Mihajlovic è sempre rimasto uno zoccolo duro della passata stagione. Quel Torino, guidato da Kamil Glik, ha sempre gestito al meglio la sosta per le Nazionali ed al ritorno ha ottenuto anche straordinari risultati. Esempio lampante è la vittoria contro l’Inter a San Siro per 1-2 grazie ai gol di Molinaro e Belotti, eppure i granata arrivavano da una sconfitta per 1-4 in un derby.

La prima pausa della passata stagione invece ha dato frutto ad un brutto pareggio per 2-2 nella partita contro l’Hellas Verona. La sosta successiva, invece, è arrivata dopo la bruttissima e contrastatissima sconfitta a Modena contro il Carpi, è stata la prima partita persa per Ventura nella scorsa stagione. Dopo la terza pausa i granata hanno pareggiato il 17 ottobre contro il Milan che era passato in vantaggio con Bacca mentre nel Toro era andato a segno Baselli. All’appello manca la sosta dopo la sconfitta contro l’Inter l’8 novembre ed i granata, dopo due settimane, si riscattarono contro l’Atalanta vincendo di misura.

La sosta per le Nazionali, nel Torino di Ventura, ha quasi sempre portato bene ed è stato un momento dove poter riorganizzare le idee e farsi trovare pronti alla partita successiva che molte volte era obbligatoria da vincere. In questa stagione l’unica pausa non ha portato bene alla squadra di Mihajlovic che, dopo la vittoria contro il Bologna, era ritornata peggio di prima. Contro il Palermo Belotti e compagni dovranno dimostrare che è stato solo un caso la sconfitta di Bergamo e che la sosta è servita a tutto il Toro per rifiatare e apprendere ancora meglio i dettami del tecnico serbo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy