Torino, contro il Sassuolo per il terzo successo esterno consecutivo: obiettivo già centrato due volte con Ventura

Torino, contro il Sassuolo per il terzo successo esterno consecutivo: obiettivo già centrato due volte con Ventura

Approfondimento / Al Mapei Stadium i granata avranno la possibilità di arrivare ad un traguardo raggiunto in due occasioni sotto la gestione del tecnico genovese: una di queste proprio nell’attuale stagione 

Commenta per primo!

Il Toro ha recentemente dato il via ad un’altra scia di risultati positivi. Dopo gli scivoloni contro Udinese e Lazio, la formazione di Ventura sembra infatti aver ripreso lo stesso ritmo di un paio di mesi fa, quando tra il 14° e il e il 25° turno di campionato ha inanellato un’impressionante serie di prestazioni senza sconfitte. 

NUOVA SCIA POSITIVA – L’attuale filone è solamente fermo a 3, frutto di due successi esterni contro Parma e Atalanta e un pareggio tra le mura amiche con la Roma, ma è evidente che la reazione dopo le brusche battute d’arresto con i friuliani e i biancocelesti sia stata da grande squadra. Nel lunch match di domani contro il Sassuolo sarà dunque fondamentale confermare questo nuovo ottimo periodo di forma: la partecipazione alla prossima edizione dell’Europa League dipende inevitabilmente dall’esito della sfida contro i neroverdi.

TRAGUARDO GIÀ RAGGIUNTO CON VENTURA – In tal senso, è bene notare come un’eventuale vittoria contro gli uomini di Di Francesco rappresenterebbe il terzo successo consecutivo lontano dall’Olimpico, il in un campionato in cui il numero di gioie dei granata in trasferta (6) è momentaneamente superiore a quelle ottenute davanti al proprio pubblico (5). Sotto la gestione Ventura, il Toro è già riuscito ad imporsi per 3 volte di fila in trasferta solamente in 2 occasioni: una di queste risale proprio all’attuale stagione ed è più in particolare collocata nel bel mezzo del sopracitato filone positivo che ha drasticamente cambiato le ambizioni stagionali di Glik e compagni. Tra la 19° e la 22° giornata, infatti, i granata hanno centrato questo risultato grazie al 2-3 di Cesena del 18 gennaio, l’indimenticabile 0-1 contro l’Inter di una settimana dopo e l’entusiasmante 1-3 rifilato al Verona al Bentegodi il 7 febbraio scorso. 

IN SERIE B – La seconda circostanza in cui il Toro è riuscito a raggiungere tale traguardo con il tecnico genovese alla guida è datata nel 2011. Allora in Serie B, i granata ottennero addirittura 5 vittorie consecutive esterne tra la prima e la nona giornata di campionato (la più prestigiosa a Marassi contro la Sampdoria per 1 a 2). 

In un Toro che ultimamente riesce ad esprimersi meglio fuori dal capoluogo piemontese, strappare i 3 punti a Reggio Emilia è, inutile nasconderlo, tutto meno che una remota possibilità. Al di là della curiosità appena riportata, ciò che è realmente importante e confortante è il fatto che questa squadra possieda ormai le potenzialità e la consapevolezza necessarie per centrare i suoi obiettivi: domani è attesa la conferma.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy