Torino, contro la Fiorentina l’imperativo sono le marcature preventive

Torino, contro la Fiorentina l’imperativo sono le marcature preventive

Temi tattici / Occhio agli inserimenti di Chiesa e a un Simeone ritrovato

di Redazione Toro News

Il Torino di Walter Mazzarri dopo la sosta torna in campo domenica alle ore 15 allo Stadio Olimpico Grande Torino dove affronterà la Fiorentina di Stefano Pioli in Coppa Italia: chi vince passa direttamente ai quarti di finale e andrà a sfidare la vincente di Roma-Virtus Entella. Sul piano tattico, osservando le ultime partite dei viola, si può notare che l’ottima difesa viola, la quarta del campionato, è comunque vulnerabile in talune occasioni per vie centrali. Allo stesso tempo la forza offensiva dell’attacco di Pioli, con Chiesa e Simeone che rappresentano i principali pericoli per la difesa granata, è rappresentata in primis dalla capacità di aggredire gli spazi.

AMNESIE VIOLA – La linea difensiva viola è attenta e organizzata. Ma per vie centrali, di tanto in tanto, concede qualcosa come si è visto nella sconfitta interna contro il Parma. La rete di Inglese è arrivata a seguito di una disattenzione difensiva di Vitor Hugo, che ha sbagliato il tempo dell’intervento, consentendo così all’attaccante italiano di portare in vantaggio la squadra crociata. Non solo: nel secondo tempo, al 65’, Biabiany, sfruttando un buco che la difesa viola ha lasciato, si è portato avanti il pallone fino al limite dell’area, per poi venire fermato sempre da Vitor Hugo, ultimo uomo. Cartellino rosso e Fiorentina in dieci uomini. Serviranno dunque verticalizzazioni centrali e la capacità di Belotti, che dovrebbe essere accompagnato da Falque qualche metro più indietro, di trovare il varco giusto per infilarsi tra i centrali Vitor Hugo e Pezzella.

ATTENZIONE A CHIESA – La Fiorentina gode di un reparto offensivo di tutto rispetto. Su tutti il pericolo numero uno è Federico Chiesa. Il giovane attaccante dell’Under 21 italiana sta dimostrando in questo campionato il suo talento, confermando quello mostrato la stagione passata. Chiesa è un attaccante completo: nel 3-4-3 disegnato da Pioli, svolge il ruolo di esterno alto di destra nel tridente offensivo. E’ in grado di inserirsi centralmente, andare a fondo campo e mettere cross molto insidiosi ed ha un ottimo tiro da fuori (come ad esempio la rete segnata a San Siro contro il Milan con un gran destro da 25 metri). Inoltre, è buona l’intesa con Simeone. L’attaccante argentino recentemente ha ritrovato la via del gol. Starà alla retroguardia granata impedire ai due attaccanti di esprimersi al meglio, senza lasciare spazio alle spalle della difesa: avendo in mente la partita di ottobre in campionato, si può pensare ad un Torino che cercherà di mantenere il possesso palla giocando nella metà campo offensiva. In tal caso, sarà fondamentale riservare molta attenzione alle marcature preventive quando si è in fase di possesso palla, in modo da non trovarsi sbilanciati nel caso in cui la Fiorentina riuscisse a capovolgere il fronte repentinamente.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Granata - 2 mesi fa

    Uno dei giocatori determinanti, per la Fiorentina di Pioli, è Benassi. L’ex capitano del Torino in pratca si comporta da mezzala, accentrandosi in fase di possesso per aprire il campo alle discese del terzino destro Milenkovic, ma in questo modo la squadra è costretta a delle scalate macchinose nelle transizioni difensive: se Milenkovic non riesce a rientrare in posizione, a volte è Veretout che da mediano di destra scende in difesa, altre indietreggia Benassi, ma in questi casi spesso si crea un buco nella zona centrale. Ecco spiegato il perché dei buchi centrali in difesa. 

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 2 mesi fa

      Sei meglio tu di tdg. Sei libero?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata - 2 mesi fa

        Mi prendi in giro…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Vanni - 2 mesi fa

          No

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Vanni - 2 mesi fa

          Basta che cambi sto 5-3-1-1 e siamo con te.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Granata - 2 mesi fa

            A me piace il 3421 oppure il 3412. Le 4 linee permettono di coprire meglio il campo in lunghezza. Con interpreti giusti, la palla scorre più velocemente per una migliore copertura rispetto alle 3 linee che danno più ampiezza.

            Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy