Torino: è derby per la concessione del Robaldo e la costruzione del nuovo centro sportivo

Torino: è derby per la concessione del Robaldo e la costruzione del nuovo centro sportivo

Non solo il Filadelfia / Oltre ai granata, anche la Reset di Davide e Marcello Lippi in lizza per portare a casa l’appalto. Lunedì prossimo si aprono le buste

La grande corsa per la ‘concessione’ è partita e il bando di gara assume le tinte di un derby. Il Torino non si accontenta e oltre al Filadelfia, il club di Cairo vuole costruire un altro grande centro sportivo per i più giovani. Come vi avevamo anticipato su queste pagine (LEGGI QUI) nel capoluogo piemontese c’è una struttura messa da tempo a bando dal Comune, perfetta per la realizzazione di tale progetto.

Robaldo, derby
La descrizione dettagliata dell’impianto Robaldo

Trattasi del Robaldo, pronto a diventare la casa del Settore Giovanile granata. La struttura, che dovrà necessariamente essere rimessa a nuovo, ha tutte le carte in regola per mettere in piedi un vero e proprio centro all’avanguardia: 5 campi da calcio, di cui due illuminati e omologati per le gare in notturna, ed uno in sintetico. Ampio spazio, poi, per tutti gli spogliatoi e le restanti strutture necessarie ad ospitare tutte le squadre granata, dalla categoria Berretti a quella degli Esordienti. Un totale di 45mila metri quadrati.

Questo, ammesso e non concesso che il club di Cairo riesca ad aggiudicarsi l’appalto in questione. Perché alla scadenza del 12 febbraio sono arrivate due buste contenenti le relative offerte, quella del Toro, appunto, e quella della Reset Academy: il nuovo progetto sulla Scuola Calcio messo in piedi dalla famiglia Lippi, già attiva a Parma e ancor prima a Roma attraverso la Lodigiani, sul campo federale della Borghesiana. Padre e figlio, Davide – noto procuratore sportivo – e Marcello, il ct campione del Mondo nel 2006, nonché ex tecnico della Juventus.

Toro
Il terreno conteso del Robaldo

Una sorta di derby cittadino per ottenere la concessione dell’impianto di gioco, sul quale costruire un nuovo centro sportivo dal valore complessivo stimato in circa 1 milione di euro. Lunedì prossimo saranno aperte le buste, con tanto di assegnazione dei relativi punteggi. Su tutto, sarà privilegiata – come si legge sul bando del Comune – “L’offerta economicamente più vantaggiosa per la Città”, ma non solo. Perché peserà, e non poco, anche il radicamento sul suolo locale da parte delle società concorrenti ed il progetto di più ampio respiro.

I Lippi e il Toro. Il Toro e i Lippi ancora una volta a confronto. La grande corsa per la ‘concessione’ è partita e chissà se questa volta, un po’ come nel 9 aprile 1995, il derby si tingerà di granata…

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. sempretORO - 2 anni fa

    tifosi stranieri per una squadra straniera…tutto quadra

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Jerry - 2 anni fa

    È palese che dietro la famiglia Lippi ci sia l’altra squadra di Torino. Non gli basta Vinovo, non gli basta la Siaport dalla prossima stagione… Ora pure il centro sportivo di castello di Mirafiori vogliono…. Per poi farne cosa? Essendo Mirafiori zona molto popolare, hanno fiutato l’odore dei soldi… Sai quanti bambini si iscriverebbero alla scuola calcio appoggiata dall’us. Venaria? Una Miriade…… Anche perché qui ci sono parecchi immigrati e la maggior parte di loro per chi tifa?……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. fabio972 - 2 anni fa

    Il nostro settore giovanile merita una sede seria… Speriamo che i “poteri forti” non si siano messi in moto per favorire l’ex gobbo e il figlio trafficone

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Achille - 2 anni fa

      Sono loro stessi i poteri forti…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy