Torino, dimostrarsi più forti della sfortuna, per sé e per il pubblico

Torino, dimostrarsi più forti della sfortuna, per sé e per il pubblico

Verso il Carpi / Un sabato da incubo ha regalato due pessime notizie a Ventura, che si trova di nuovo in emergenza

2 commenti

Lo si era detto dopo l’addio di Amauri: ora al Torino tutti sono importanti, ma nessuno è indispensabile (qui l’analisi completa). Questo perché la rosa della squadra granata è ormai ridotta all’osso, con la coppia titolare-riserva a presidiare ogni ruolo del 3-5-2. Alla luce di questo, le notizie del mese di stop per Gazzi e del trauma distorsivo accorso ad Avelar gettano un velo di paura sull’attuale situazione del roster granata in vista del prosieguo del campionato: i due lasciano scoperte due zone nevralgiche, con Vives e Molinaro senza sostituti. Inoltre, si va a spremere una coppia di giocatori già provati in autunno dalle stesse assenze, e che proprio in queste settimane stava approfittando della rosa al completo per tirare il fiato.

Se per quanto riguarda le fasce, però, Ventura sta ritenendo maturi i tempi per due esterni destri in campo, schierando Peres-Zappacosta sulla falsariga delle coppie Darmian-D’Ambrosio o Darmian-Peres, qualche preoccupazione in più sorge per Vives, che rischia di trovarsi le spalle scoperte, almeno fino al rientro di Acquah, anche lui lungodegente. Insomma, una situazione che richiede riflessioni da parte dello staff granata, in vista di una rimonta in campionato proprio nel momento più delicato visto il calendario, con Milan, Lazio, Juventus e Inter, tra le altre, in vista.

Bruno Peres, esterno destro del Toro
Bruno Peres, esterno destro del Toro

Prima di tutto, però, ci sarà da portare a casa tre punti contro il Carpi, importante fieno in cascina con il momento delicato alle porte. Il Toro lo deve a se stesso, e ai moltissimi tifosi che accorreranno all’Olimpico, per quello che rischia di essere uno tra gli afflussi più consistenti dell’anno con gli emiliani in campo. Un’occasione da non perdere per riappacificare definitivamente squadra e tifosi, e per guardare con più ottimismo il futuro, al di là degli infortuni e di tutto il resto.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. WGranata76 - 1 anno fa

    Concordo,troppi infortuni per additare solo la sfortuna…passi Avelar che sembra soffrire di un intervento malfatto in passato, ma cmq da chiarire,però gli altri??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ddavide69 - 1 anno fa

    Io credo che tutti questi traumi con ricadute siano figli di una preparazione mal fatta

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy