Torino dominante: l’ultimo passo da compiere è un pizzico di cinismo in più

Torino dominante: l’ultimo passo da compiere è un pizzico di cinismo in più

Torino-Sampdoria, l’analisi a mente fredda / Dopo tre partite giocate in rimonta questa volta i granata hanno dominato sin dal primo minuto. La squadra in difesa non ha sofferto, l’unico aspetto in cui si può ancora migliorare è il cinismo sotto porta

2 commenti
Quagliarella: doppietta in Torino-Sampdoria

Analizzando a ventiquattro ore di distanza la sfida tra Torino e Sampdoria, ragionandoci a mente fredda, viene poco da aggiungere a quello che già è stato detto ieri: è stata una grande prestazione dei granata, che hanno dominato la scena per tutta la partita.

UNICO BRIVIDO – Solo ad inizio ripresa la Sampdoria ha avuto un’occasione nitida per riaprire la partita con Eder che stava beffando Padelli, ma Moretti ci ha messo una bella toppa e poi nel finale di partita è stato Padelli a sventare una pericolosa conclusione di Correa. Tutto il resto della sfida però è stato colorato di fortissime tinte granata e viene molto semplice accodarsi ai complimenti fatti da mister Ventura alla squadra per il grande spettacolo di gioco e occasioni messo in mostra in particolare nel primo tempo.

Frosinone Calcio v Torino FC   - Serie A
Emiliano Moretti, ieri decisivo con il suo salvataggio su Eder ad inizio ripresa

DOMINIO SIN DA SUBITO – Dopo tre partite in cui il Toro è stato costretto a rimontare per raddrizzare un inizio negativo questa volta i granata hanno voluto imporre il loro dominio sin dal calcio d’inizio dando una prova di forza davvero impressionante. Quando tutti gli ingranaggi girano in perfetta sincronia, come è accaduto ieri, diventa difficile trovare una squadra che non soccomba contro i granata: la banda di Ventura è meritatamente al secondo posto solitario in classifica e la sensazione e che questa annata possa davvero diventare storica.

Ventura in Torino-Sampdoria 2-0
Ventura in panchina durante Torino-Sampdoria di ieri: splendido l’avvio di stagione del tecnico granata

MAGGIORE CINISMO – Unico aspetto da migliorare, come lo stesso allenatore granata ha sottolineato, il cinismo sotto porta: il 2-0 è un risultato buono ma che lascia comunque aperto uno spiraglio alla rimonta avversaria, mentre con le occasioni che ha avuto il Torino (e lo stesso Quagliarella autore della doppietta decisiva) si poteva chiudere la prima frazione già in vantaggio di 4 o 5 reti. Continuando a giocare così questo Toro però ha la certezza di poter andare molto, molto lontano; perché in giro squadre migliori non se ne vedono e perché il meccanismo di questa squadra, sul quale Ventura ha lavorato tanto in questi anni come un paziente mastro orologiaio, sta davvero sfiorando la perfezione.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. maxmurd - 2 anni fa

    Ok si può sempre trovare il punto di nero nel bianco, come il Tao, ma mi sa che 4 reti nel primo tempo non ci sarebbero state.
    Se fosse finita 3-0 i ragazzi avrebbero fatto tutto davvero, per me.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Yuri - 2 anni fa

      Pessima scelta di colori per l’accostamento. 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy