Torino e Mariani: contro il Palermo i rossi per Molinaro e Obi

Torino e Mariani: contro il Palermo i rossi per Molinaro e Obi

Verso Torino-Cesena, i precedenti arbitrali / Mariani ha diretto i granata quattro volte in tutto. Quelle critiche di Ventura

moviola, Mariani

Maurizio Mariani, arbitro classe 1982 della Sezione Aia di Aprilia che di professione fa il consulente informatico, arbitrerà il Torino per la seconda volta in questa stagione. L’ultimo precedente è infatti il Torino-Palermo del 27 settembre scorso. In quella partita Mariani tirò fuori ben due cartellini rossi contro il Torino, che fu costretto a proteggere la vittoria in nove contro undici. Il fischietto laziale fu criticato da Ventura per il rosso a Molinaro (il primo giallo era effettivamente troppo severo) e per la diversità del metro di giudizio nei confronti di Struna, autore di un fallaccio su Baselli. Fu invece sacrosanto il rosso diretto a Obi, che falciò il palermitano Vazquez.

Gli altri precedenti di Mariani con il Torino sono 3, tutti in Serie A: il primo risale ad una brutta sconfitta nella stagione 2012/2013 e più precisamente ad un Parma-Toro 4-1 del 10 marzo 2013, in cui al gol di Santana risposero Sansone e con ben 3 reti l’attuale attaccante di Ventura Amauri. Andando più avanti nel tempo giungiamo ad un’indimenticabile vittoria in rimonta della truppa di Ventura. Stiamo ovviamente alludendo al palpitante 2-1 inflitto dal Toro ai danni del Genoa del 13 aprile 2014. Nell’occasione, Immobile e Cerci risposero nei minuti di recupero al vantaggio rossoblu di Gilardino e regalarono i tre punti ai granata.

La penultima gara della compagine granata sotto la direzione del direttore di gara romano risale ad un altro Parma-Torino, quello della passata stagione, occasione in cui Glik e compagni si imposero per 2-0 grazie ai sigilli di Maxi Lopez e Basha. Il bilancio totale di Mariani con i granata è dunque positivo, contando tre vittorie e una sconfitta.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy