Torino, è tornata la “Fossa dei Leoni”. E il primo gol è di Belotti

Torino, è tornata la “Fossa dei Leoni”. E il primo gol è di Belotti

Day after / La squadra granata ha svolto la prima seduta della nuova stagione, tra passione e calore dei tifosi

Il Toro è tornato a casa. Dopo anni di attesa, la squadra granata è tornata nel Tempio, in quel luogo dove hanno giocato i campioni che hanno reso leggendaria la storia di questa società, il luogo che una volta veniva chiamato “La Fossa dei Leoni“. Oggi la storia del Torino ha messo un tassello importante, molto importante: oggi è davvero rinato il Filadelfia, con i cori dei tifosi, con la corsa dei giocatori, con il pallone che è tornato a gonfiare una rete di quel campo.

La giornata di ieri entrerà nella storia, e ci sono vari motivi per affermarlo. Lo si capisce dal fatto che, prima che aprissero i cancelli del Filadelfia, un numero incredibile di persone si è accalcato fuori dall’impianto del Toro, aspettando di poter entrare e vedere i giocatori correre su quel terreno, che non è mai stato e mai sarà uguale agli altri. Un’ora è passata dall’entrata dei tifosi a quella dei giocatori sul campo del Fila: ma nonostante questo i tifosi, che erano circa 3800, non hanno mai smesso di cantare ed intonare cori per la squadra granata, sentendosi a casa. Anche per il primo allenamento della scorsa stagione ci fu una grande partecipazione della gente, che dovette sistemarsi dietro una delle porte, tanto era colma la tribuna del centro Sisport. Allora c’era la curiosità di scoprire l’inizio del nuovo ciclo targato Mihajlovic, ieri c’era la voglia di partecipare ad un momento storico, col passato che si fonde col futuro.

Lo si capisce da come è stata accolta l’entrata in campo del Toro: una squadra che nell’ultima stagione non ha vinto niente nè ha raggiunto risultati di grande rilievo, non andando al di là di un discreto nono posto. Un boato incredibile, che è diventato ancor più intenso nel momento in cui Andrea Belotti ha messo piede sul terreno di gioco (è stato l’ultimo ad entrare, quasi come a voler sentire l’affetto del popolo nei suoi confronti). E proprio il Gallo sembra dover essere ancora una volta nel destino del Torino: nella prima partitella, del primo allenamento in questo nuovo Filadelfia, è stato lui a segnare il primo gol. Sarà un semplice gol in una partitella di allenamento, certo, ma è stato vissuto come se fosse il più importante, e forse lo è stato. Il primo gol segnato da un giocatore del Torino al Filadelfia. Il Gallo è già un simbolo di questo Toro, ma quanto è successo oggi è diventato di più, e ha tutte le carte in regola per diventare una vera propria bandiera, se lo vorrà.

Un evento che verrà ricordato, un giorno che non passerà in sordina, soprattutto per chi ha dovuto aspettare tanto per poter rientrare nel Tempio del Torino. Un ritorno al futuro molto simbolico e che deve essere di buon auspicio per il prosieguo della stagione, che dovrà vedere il Torino essere in grado di conquistarsi il salto di qualità con i risultati sul campo.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. LoviR - 2 mesi fa

    Auguri x un lungo futuro in GRANATA Andrea!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. menkheperra - 2 mesi fa

    … auguri per il tuo futuro Andrea …

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy