Torino, Edera tra la SPAL e il futuro: all’orizzonte rinnovo e permanenza

Torino, Edera tra la SPAL e il futuro: all’orizzonte rinnovo e permanenza

Focus On / L’attaccante, salvo imprevisti, resterà al Torino anche la prossima stagione

di Redazione Toro News

Simone Edera potrebbe rientrare tra i titolari del match contro la SPAL, ma intanto c’è una quasi certezza: nel Torino dell’anno prossimo ci sarà anche lui. Dal presidente Cairo all’allenatore Mazzarri, l’attaccante ventunenne che fu pescato dal club granata all’oratorio Valdocco ha conquistato tutti. Soprattutto l’allenatore lo stima: in questo girone di ritorno lo ha lanciato anche da titolare, segnale di quanto lo ritenga all’altezza di giocare nel Torino. Lo stesso tecnico ha già detto di ritenerlo in grado di giocare, in prospettiva, indifferentemente da prima o da seconda punta. E’ stata la stagione dell’ascesa di Edera, quella che si sta concludendo: da giovane in cerca di un prestito che salì in ritiro a Bormio per integrare numericamente la rosa, piano piano si è conquistato il rinnovo del contratto, la Nazionale Under 21, e presto ci sarà un altro adeguamento di contratto.

Edera

IL RINNOVO – Necessario, visto che l’attaccante piace a tanti. Napoli e Lazio in primis sono interessate a quello che è uno dei prospetti più interessanti del panorama calcistico italiano. Ma l’ex pupillo di Moreno Longo è cresciuto a pane e Toro e la società lo blinderà al più presto. Il diesse Gianluca Petrachi e l’agente Beppe Galli, nelle prossime settimane, si incontreranno per mettere nero su bianco l’adeguamento del contratto stipulato lo scorso agosto, con scadenza 2021 e con uno stipendio che si aggira sui 250mila euro. L’asticella va alzata, visti gli interessamenti di altri importanti club di Serie A.

RILANCIO – Intanto, c’è alle porte un finale di campionato che può vedere Edera ancora protagonista. Il bottino di due presenze da titolare messe insieme contro Atalanta e Lazio potrebbe aumentare nelle partite contro SPAL e Genoa, che pochi altri significati hanno oltre a quello di dare spazio agli elementi più giovani della rosa per fargli accumulare esperienza e valorizzarli. Dopo la panchina di Napoli, dettata da esigenze tattiche visto il passaggio al 3-5-2, Mazzarri contro la squadra di Semplici potrebbe tornare al 3-4-1-2 e dunque il prodotto del vivaio granata potrebbe trovare spazio in avanti accanto a Belotti. Una coppia d’attacco che può costituire il presente del Toro, ma anche il futuro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy